Archivi del mese febbraio, 2012

Berlusconi prende in giro ancora una volta la giustizia (2°Parte)

Secondo la sentenza, la presunta tangente da Berlusconi materializzata quando inviò i soldi per l’avvocato e non quando lo ha usato. Così, nel novembre 1999 e febbraio 2000. Dopo la rimozione dalla carica a metà novembre 2011 – Silvio Berlusconi è stato esposto di nuovo alla giustizia. Infatti, nei giorni scorsi, l’ex primo ministro non è solo pentito pubblicamente per quello che considera un caccia per i giudici comunisti “sono stati inventati 100 azioni legali contro di me, non solo ho il record del mondo, ma per l’intero sistema solare. ” Ha inoltre invocato la protezione del Primo Ministro Mario Monti. Berlusconi non solo è rimasto in carica, ma lui riusciva a vedere con piacere come, appena un anno dopo che la Corte Suprema ha annullato la condanna perché il reato era prescritto Mills … per alcuni giorni. La preoccupazione che caratterizzava le sue dichiarazioni alimentato l’entusiasmo dei suoi detrattori. Una convinzione sarebbe stato interpretato come l’inizio della fine di un regime. Ma dobbiamo ancora aspettare. E ‘stato Berlusconi, ma ha lasciato il Berlusconi. Gli 11 anni di governo inutile per l’Italia non fosse stato per lui e le sue aziende. L’immunità vestito lentamente, tessuta dal denaro e le leggi per mantenere il suo potere.Tre studi clinici ancora in corso. Nel Tribunale di Milano, ci sono ancora tre procedimenti aperti contro l’ex primo ministro italiano. La gestione opaca delle loro imprese e dei benefici che producono ti costringe a sedersi in panchina per corruzione e frode fiscale nella vendita di diritti per i canali Mediaset, il gruppo televisivo. I pubblici ministeri Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro sostengono che Silvio Berlusconi e altri imputati che hanno lavorato con lui, ad esempio, il figlio Pier Silvio, i costi gonfiati dei diritti acquistati all’estero per ottenere il denaro e frodare il fisco. Il processo è in pista in prima istanza e deve essere prescritto nel 2014. Nel frattempo, seguendo le opinioni del caso Ruby, alle feste organizzate da Il Cavaliere nella sua fattoria in Arcore. Berlusconi è accusato di istigazione alla prostituzione dei minori e della corruzione. Il 7 febbraio, ha aperto un altro fronte per i difensori dell’ex capo del governo: il suo nome è stato aggiunto al fratello Paolo, direttore de Il Giornale, con l’accusa di divulgazione di segreto d’ufficio per aiutare con le intercettazioni illegali. Il 31 dicembre 2005, il giornale di famiglia Berlusconi ha pubblicato il contenuto di una conversazione telefonica tra Piero Fassino, oggi sindaco di Torino e poi segretario della Sinistra democratica, e Gianni Consorte, ex presidente di Unipol gruppo finanziario. La conversazione era stata presa dalla polizia, ma non era ancora stato trascritto dai ricercatori, quando i fratelli sono stati fatti con una chiavetta USB rubato e ha deciso di pubblicarlo.

Fonte:http://internacional.elpais.com

Berlusconi prende in giro ancora una volta la giustizia

L’ex primo ministro italiano viene assolto per ordine di un reato di corruzione con una legge ‘ad hoc’, che è stato spinto in Parlamento. Per undici anni, il Parlamento italiano era una sartoria di lusso. Ci fu l’allora primo ministro Silvio Berlusconi l’immunità per le tute redatto come. Il 13 aprile 2011, ad esempio, la Camera dei Rappresentanti ha approvato -314 voti da un baffo a favore a 296 contro, una legge chiamata il governo della “limitazione breve” e si oppone “amnistia mascherata”. Il suo scopo, in teoria, è stato ridotto del 10% i limiti temporali per i reati per gli imputati condanne senza precedenti. Il suo scopo, secondo il clamore, Berlusconi è stato liberarsi di una frase in caso Mills , che è stato accusato con l’accusa di aver corrotto un avvocato britannico che avrebbe pagato 450.000 euro per lied in suo favore. Di recente ha trovato che coloro che pensavano che avevano ragione sbagliato. Non è un anno più tardi, il Tribunale di Milano ha dichiarato tributo previsto per “corruzione in atti giudiziari” , che è stato accusato Berlusconi e per la quale egli avrebbe potuto caduto a cinque anni di reclusione. Dopo la sentenza, il pubblico ministero, Fabio de Pasquale, ha inviato ai giornalisti un comunicato: “E ‘inutile discutere.” Inutile come accusare Silvio Berlusconi. Il caso Mills è la metafora perfetta per il suo lungo periodo come capo del governo d’Italia. Nei casi in cui non ho potuto ottenere i loro soldi il libretto degli assegni onnipotente di uno degli uomini più ricchi d’Europa, ha raggiunto il suo potere politico mentre era in carica, Berlusconi ha adottato 29 leggi e decreti nella misura in cui ha contribuito a fermare o sbarazzarsi del 28 direttamente procedimenti contro di loro. La cronologia del caso parla da sé. Nel 2007, avvocato inglese David Mills e il primo ministro italiano è accusato di un reato di “corruzione in atti giudiziari”. L’ufficio del procuratore di Milano accusa Silvio Berlusconi di pagare avvocato nel 1999 a 450.000 euro in azioni della Fininvest, una delle sue società, come ringraziamento per aver mentito a suo favore in due processi per corruzione, di cui, ovviamente, è stato assolto. L’anno seguente, 2008, il caso deve essere diviso in due processi paralleli sotto una legge sull’immunità approvata dal oggi delfino di Berlusconi, Angelino Alfano, allora ministro della Giustizia secondo cui è impossibile giudicare i quattro senior posizioni del presidente della Repubblica, primo ministro ei presidenti della Camera dei deputati e del Senato, mentre l’uso di ufficio. Un anno dopo, febbraio 2009 -, l’avvocato David Mills è stato condannato da un giudice di Milano a quattro anni di carcere per corruzione in atti giudiziari. “In un paese normale”, ha detto poi l’ex procuratore Antonio Di Pietro, “Presidente del Consiglio dei ministri aveva già presentato le sue dimissioni. Se c’è un corrotto, c’è un corruttore. Ma sai come stanno le cose in Italia “. Berlusconi non solo è rimasto in carica, ma lui riusciva a vedere con piacere come, appena un anno dopo che la Corte Suprema ha annullato la condanna perché il reato era prescritto Mills … per alcuni giorni.

Fonte:http://internacional.elpais.com

Come funziona il finanziamento dei comuni? (2°parte)

atto-di-precetto

Un buon modello è quello che fornisce la flessibilità”, ha dichiarato Maite Vilalta. Bel Ferran, sindaco di Tortosa, ritiene che “il reddito supplementare ottenuto dai comuni nei tempi buoni fermato le miserie di un cattivo sistema di finanziamento”. Bel assicura che anche la raccolta di imposta sugli immobili, l’imposta più stabile, è diventato un mal di testa per il consiglio. “Si sta costando si incassare”, ha detto Bel. Il FEMP ha commissionato uno studio su questa materia ad un panel di esperti coordinati da Javier Suárez-Pandiello. Un Libro bianco presuppone che locale, all’unanimità, ma la cui discussione con l’esecutivo centrale era parcheggiata. La discussione degli statuti di autonomia, finanziamento prima regionale e poi offuscato le esigenze di questo secondo livello di amministrazione. Quando sembrava che il governo centrale avrebbe portato al tavolo una nuova legge sui governi locali, ha deciso di rinviarla a dopo le elezioni comunali, e ora fino escampen le nubi della crisi.

untitled_13

La proposta fatta dal gruppo di esperti stava attraversando una riforma tassa di proprietà per modernizzare, soprattutto per quanto riguarda l’amministrazione terra, riconquistare tassare le attività (IAE), si estendono ai comuni la partecipazione di oltre 20.000 abitanti Shopping a imposta sul reddito personale, IVA e permesso speciale, in qualche modo, che i comuni partecipano anche del reddito della comunità, anche se questi supportano i pilastri del welfare state. Professor Maite Vilalta ricordare che la Spagna si è orientata verso un modello di quasi-finanziamenti federali. E quel “quasi” è da parte dei comuni. Gli esperti dicono che, come nel dibattito regionale, i modelli in Canada e in Germania. Uno studio di Professore di Finanza Pubblica presso l’Università di Barcellona Núria Bosch per il Barcellona, spiega come in Germania sono i Länder che sono in grado di organizzare il territorio e il funzionamento del governo locale che, a sua volta, correndo tra il 70% e l’80% della legge federale e statale. Oltre a imporre una tassa sulla proprietà e l’altra sulle attività economiche, i comuni trarre da trasferimenti e tasse condivisi quali il reddito, che dà loro maggiore stabilità. Un’idea Arahuetes Finanza Locale responsabile del FEMP, rifiutare. “Non credo che ci dovrebbero essere 17 le leggi, uno per la comunità,” salva. Vilalta concordano sul fatto che il primo passo dovrebbe essere quello di definire le competenze dei comuni per calcolare la quantità di risorse necessarie per l’intero sistema. Questo è ciò che è stato fatto, per esempio, con l’ultimo modello di finanziamento regionale, quando si è deciso di fornire alle comunità risorse aggiuntive di 11.000 milioni di euro per coprire le loro esigenze. Poi, a suo avviso dovrebbe prendere in considerazione un cambiamento di paradigma per dare più stabilità ai comuni e contengono criteri di equità attraverso trasferimenti per compensare i municipi più poveri. E, infine, impostare le tabelle in cui sono rappresentate tutte le autorità, come avviene attualmente a livello regionale con il Consiglio di politica fiscale e finanziaria. Ma ora l’urgenza crudo. I comuni sono priorità la spesa per gli altri diritti sociali e culturali, che si vede in questi giorni in molti festival, il cui contenuto è di nuovo diminuita.

Fonte http://economia.elpais.com

Il crollo immobiliare espone le carenze della finanza comunale

843

Apertura in apertura. Il tradizionale taglio del nastro nutrito ordine del giorno molti sindaci, soprattutto quando le elezioni si avvicinò. Durante i tempi del boom comuni sono state dotate di ottime strutture interne: piscine riscaldate, centri sportivi, grandi parchi, centri congressi … Insieme con le grandi opere, ha provato concistori colmare le lacune nelle loro località di asili, scuole di musica, servizi sociali e trasporto pubblico. Oggi le casse di centinaia di comuni sono malconcio. Molti, sull’orlo del collasso, avvertono che la situazione è di emergenza. E ‘un rifiuti o un cattivo sistema di finanziamento? La città spagnola non sono gli unici a soffrire. Già nel 2008 la sessione della città californiana di Vallejo ha annunciato che è stata la dichiarazione di fallimento. C’erano quelli che avverte che i titolari di tali finirebbe, prima o poi venire in Spagna.atto-di-precetto

Qui il governo non può fallire, ma alcuni hanno già ammesso che tecnicamente sono in quella situazione. Il sindaco di Moratalla (Murcia) ha dichiarato Peer nell’abisso. Anche in Moià (Barcellona), che non possono pagare o libro paga o servizi. E più di 40 comuni catalani, che di recente ha chiesto alla porta del governo di essere in acqua fino al collo. Le spese dei conti comunali per il 12,8% della spesa pubblica in tutto lo stato, secondo uno studio condotto da professore di Finanza Pubblica presso l’Università di Barcellona (UB) Maite Vilalta. Anche se questa percentuale non è molto lontano dalle spese che ha rappresentato nel 1980 quando era del 10%, la crescita economica e riscossione delle imposte ha permesso la spesa pro capite di spesa di 462 euro nel 1992 a 1.169 nel 2008. Il 70% del denaro è in funzione dei costi. Uno degli elementi più ingombranti è il libro paga, che prende il 30% della spesa. “C’è stata una abbastanza generale. I consigli hanno usato, che non erano entrate ricorrenti, anche se sembrano [La costruzione o plusvalenze fiscali] per le spese correnti. Con il rallentamento dell’attività e la diminuzione degli introiti, sono sorte problemi “, dice il professore di Finanza Pubblica presso l’Università di Oviedo Javier Suárez-Pandiello. Tra il 1995 e il 2007 i bilanci comunali è aumentato a causa di ricavi al galleggiamento per permessi di costruzione e le imposte, come le plusvalenze e di costruzione. I consigli hanno aumentato i loro investimenti, ma anche la sua spesa corrente: corporazioni municipali creato e aumentato il loro personale. A sua volta, ogni investimento rappresentato per più di spesa corrente. Attrezzatura è stata costruita. E questa richiesta personale, manutenzione, prendere le perdite … Anche con il governo Plan E, che in qualche modo ha agito come un balsamo per i comuni, i comuni ormai da molti svolgere lavori di manutenzione intrapreso. Questa dinamica è esplosa con il drastico calo dei redditi dei trasferimenti di mattoni and drop da altri governi, in particolare l’impianto. E oggi ha portato a ritardi nei pagamenti ai fornitori, investimenti, riducendo il congelamento degli aiuti agli enti locali, differire il pagamento degli stipendi e anche licenziamenti posa. Bel Ferran, sindaco di Tortosa, presidente del Comitato Finanza Locale dell’Associazione Catalana dei Comuni e professore di finanza locale a UB, ricordare che il Concistoro caduto in questa spirale, perché “l’utilità pubblica richiesta da un paese ricco “.

Fonte: http://economia.elpais.com

Competenza posseduta

papa-ici

La Chiesa cattolica dovrà pagare l’imposta fondiaria in Italia. Saranno in grado di perdere anche i vescovi spagnoli che hanno goduto del privilegio? Le norme europee sulla concorrenza stanno rendendo lavorare per alcuni governi. In Spagna, e in conformità con tali norme, la Chiesa cattolica, due anni fa ha perso uno dei suoi molti privilegi: esenzione dal pagamento dell’IVA. Questo significava un risparmio vantaggi alla Conferenza Episcopale di 30 milioni di euro all’anno, secondo i calcoli. Il vantaggio prossima che potrebbe essere in pericolo è l’esenzione dall’imposta sugli immobili (ICI), che, come l’IVA, la Commissione ritiene, gli aiuti di Stato generico che falsano la concorrenza. Le prospettive non sono buone per i vescovi tenendo conto del fatto che Mario Monti, presidente del governo di un paese cattolico come l’Italia, limiterà l’esenzione di tale imposta. thumbfalsecut1329400622544_475_280Secondo Monti, imposta sugli immobili (ICI, il suo acronimo italiano) deve pagare gli istituti ecclesiastici per il profitto o la parte proporzionale della stessa non è destinato solo al culto, scuole, università, centri sportivi, ospedali, alberghi. L’esenzione fiscale di risparmio ogni anno sta portando alla Chiesa italiana tra i 100 milioni di euro (secondo calcoli) e 700 (secondo l’esperto della pubblicazione de L’Espresso in queste materie). Si tratta, in ogni caso, un numero significativo di cui beneficeranno le casse comunali del paese martoriato di. Anche in Spagna le quantità sono ingombranti, come dimostra il fatto che lo scorso ottobre il Comune di Madrid lamentato il 97 milioni di euro all’anno per fermare aumentare l’esenzione tassa di proprietà di cui godono alcune istituzioni, compresa la Chiesa. Monti era doppiamente destinato a finire il privilegio ecclesiastico. L’opinione pubblica è richiesto quando ICI riacquistato abrogata da Berlusconi e ha difeso le norme europee, come Commissario europeo per la Concorrenza, ora occupato dal spagnolo Joaquin Almunia, ha applaudito l’iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana. E ‘un fatto inquietante per la Conferenza Episcopale Spagnola, che potrebbe essere più felice con la promessa del governo di Mariano Rajoy.
Secondo i dati provenienti dalle valutazioni del 2008, il 49% delle entrate proviene da imposte e tasse, 38,6% dei trasferimenti da altre amministrazioni, e il 7% del debito. Highlights Basket tasse imposta comunale sugli immobili (IBI), sindaci e studiosi concordano sul fatto che in alcune zone è rimasta stabile e molti altri hanno caricato. La tassazione dei veicoli è diminuito, anche se moderatamente, mentre le imposte sulle attività economiche, gli utili di costruzione e di capitale di fiducia, quelli che in molti comuni durante l’ asta – sono crollati. Senza che il reddito, guadagnare peso si trasferisce da altri governi, in particolare l’impianto. Nel caso dei comuni, quelli con più di 75.000 persone che partecipano a un paniere di imposte (imposte sul reddito, IVA e speciale), mentre i piccoli sono quasi fissato il trasferimento sulla base di diversi criteri, tra popolazione e lo sforzo fiscale . Tuttavia, questi trasferimenti non solo sono diminuiti, ma i comuni hanno sperimentato un hack di quest’anno, quando il governo, al momento del saldo del bilancio 2009, ha informato concistori provinciali e 4,379 milioni da restituire entro i progressi compiuti durante Era previsto che le entrate fiscali sarebbe molto più alta.

Fonte: el pais

Mario Monti da Obama (2°parte)

300x01328764912629combo_monti-obama2

Questa frenesia di contatti è giustificata dalla italiano sarà pienamente coinvolto nella riforma dei trattati: l’Europa non si può fare “solo due”, ha detto.

Mario Monti sarà inoltre ricevuto Sabato da Benedetto e lui andrà a Tripoli il 21. Una visita è anche previsto per la fine di questo mese a Washington. Sul fronte interno, il governo concentra i propri sforzi sulla crescita far rivivere, dopo la severa austerità imposto nel mese di dicembre per assicurare un ritorno al pareggio di bilancio alla fine del 2013. Liberalizzazione, la riforma del diritto del lavoro, aumento della lotta contro la frode fiscale: i siti si stanno moltiplicando. Con l’obbligo di conseguire risultati molto rapidamente, a causa di uno o due mesi. Qualsiasi riforma sono voluti secoli sotto i governi precedenti, spesso senza successo.

602-0-20120123_161609_CDB157B8

Capitolo di liberalizzazione è una sfida in una società dove le lobby potenti impediscono il cambiamento. Mario Monti vuole “disarmare”. Segretario di antitrust ed ex commissario dello Stato Antonio Catricalà, che ha guidato la riforma, dice “fare la guerra con le corporazioni” e promette un primo decreto il 23 gennaio. Nel menu: farmacie, taxi, stazioni di servizio, avvocati, notai. In altre parole, tutte le categorie sociali a cui l’attuale leader del riformista Pierluigi Bersani è stato attaccato quando era ministro dell’Industria nel 1999, prima di arrendersi. Il governo promette di imporre un decreto di liberalizzazione al mese, una sfida.

“Un nuovo modo di governare”

Sulla lotta all’evasione fiscale, le operazioni di “pugni” sono condotte per l’esempio. La vigilia di Capodanno, in alberghi e ristoranti del resort più popolare delle Dolomiti, Cortina d’Ampezzo, o Martedì in Abano Terme, un centro termale in stile Veneto. Mario Monti ha accusato i truffatori di “mettere le mani nelle tasche di persone oneste”. Terzo componente: la riforma del codice del lavoro era troppo rigido. Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, eluso la sfida di articoli di legge che regola il diritto di licenziare, che sono controverse, a proporre un modello di contratto unico a cui i sindacati e datori di lavoro hanno accolto. E ‘di due mesi per completare. Per il Corriere della Sera, Mario Monti “, impone un nuovo modo di governare”, senza “mediazioni infinite (o) mezze misure”. “Se ci riesce, nulla sarà come prima, è il politologo Ernesto Galli della Loggia. Le parti devono adattarsi. ” Il presidente, Mario Monti, ha membri votanti di un anno piano di estendere la pensione.

Sullo sfondo della recessione, la Camera dei deputati italiana ha adottato il Venerdì, una austerità di 20 miliardi di euro per il 2012 composta principalmente da entrate fiscali più pesanti, un sacrificio si è resa necessaria per accendere l’ Italia a dalla crisi del debito. Con 495 voti a favore su 587, i parlamentari hanno messo la loro fiducia nel Presidente Mario Monti che è venuto a dire loro che ci potrebbe essere alcuna alternativa. Tutti i maggiori partiti, PdL Berlusconi per l’Udc centrista, e alla sinistra, lo hanno sostenuto con malcelata preoccupazione. Da parte sua, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha esortato gli italiani a fare sacrifici, “compresi quelli che hanno meno”.

Fonte: http://www.lefigaro.fr

Mario Monti da Obama

300x01328764912629combo_monti-obama2

Presidente degli Stati Uniti, non posso che elogiare l’economista che governa l’Italia.

Due copertine di Time, tre mesi di distanza, misurare la portata dei cambiamenti in Italia. La prima, il 11 novembre, è stato un Silvio Berlusconi tutti i sorrisi, con un titolo devastante: “L’uomo dietro il mondo più pericoloso del mondo”. L’altro, pubblicato questa settimana in visita completa del suo successore, Mario Monti , a Washington, con il Presidente del Consiglio, sorriso sottile, sotto il titolo: “Può salvare l’Europa?”.

1115847-oby

Alla Casa Bianca, il superéconomiste che governa l’Italia dal 11 novembre ha ricevuto un caloroso benvenuto. Barack Obama dovrebbe “portare l’Italia fuori dalla tempesta”. Ha elogiato le sue “decisioni rapide in un periodo estremamente difficile” e “piano serio” per ripristinare la fiducia internazionale in Italia: “I rapporti tra i nostri due Paesi non sono mai stato più forte”, ha aggiunto . La settimana precedente, Nicolas Sarkozy aveva messo in evidenza i progressi “awesome” realizzato da Mario Monti d’Italia. “In poche settimane, Mario Monti ha accumulato capitale politico che serve all’estero per convincere la comunità internazionale a scommettere ancora una volta l’Italia nel suo paese e per accelerare l’adozione delle riforme che ha deciso” , dice il Corriere della Sera. I mercati hanno recepito il messaggio. I tassi di interesse hanno rimbalzato in modo drammatico, il differenziale con i tassi di interesse tedeschi sono ridotti da 200 punti in due mesi per raggiungere 344 punti base, un livello più sostenibile per il servizio del debito.

Questo credito rinnovata internazionale è una risorsa importante sulla strada della ripresa. Solo tre ore di sciopero generale nel dicembre accompagnato l’adozione di misure di austerità più drastica che l’Italia abbia mai conosciuto. Per quanto riguarda le riforme strutturali avviate dai primi di gennaio, ma solo incontrano una resistenza minima, entrambi i partiti politici in Parlamento. Giovedi il governo ha impegnato la sua fiducia su un decreto potenzialmente esplosiva: la liberazione anticipata di 3.500 detenuti per ridurre il sovraffollamento carcerario. Ha ricevuto 420 voti contrari 78 astenuti e 35, solo 49 in meno voti rispetto alla sua inaugurazione lo scorso 11 novembre.

I cambiamenti del vocabolario politico: concetti, una volta acclamato come “fisso”, “diritti acquisiti”, “privilegi” sono vietati. Sono necessarie misure un tempo impensabili: qualsiasi obbligo ufficiale per restituire un regalo oltre 150 euro. Divieto di pagare in contanti un acquisto superiore a mille euro. Tagli drastici nella miriade di seminari, ricevimenti e celebrazioni con l’obbligo di limitare al Sabato. Non è più merita, la concorrenza, la liberalizzazione, la crescita, la produttività. Il decreto sulla liberalizzazione che sfida il potere sproporzionato della società non sarebbe un gran frastuono importante in Parlamento. Sulle spinose trattative sulla riforma del diritto del lavoro sembra a portata di mano entro marzo.

La liberalizzazione e la riforma del diritto del lavoro, le misure necessarie per incoraggiare gli investimenti, sono due elementi chiave della puntata Mario Monti rapidamente stimolare la crescita. Il Presidente del Consiglio italiano moltiplica visite all’estero e conduce diversi progetti contemporaneamente. Mario Monti è un uomo impegnato: in Europa la ripresa della crescita che è la seconda parte del suo programma, l’economista che governa l’Italia da novembre è diventata un inferno. Dopo Parigi Venerdì scorso, il primo ministro si reca a Berlino per Mercoledì 18 gennaio a Londra. Il 20, ospiterà a Roma Nicolas Sarkozy e Angela Merkel.

Fonte: http://www.lefigaro.fr

Il provvedimento amministrativo

giudice

I presupposti, di fatto o di diritto, sono circostanze al cui verificarsi l’amministrazione emette il provvedimento (es. agevolazioni per le popolazioni colpite da calamità naturali). I motivi rappresentano l’interesse o il fine pubblico anche nel procedimento. L’oggetto è costituito dal bene o dal rapporto giuridico; scelta tesa a produrre l’effetto. L’esternazione è la manifestazione esterna del provvedimento. Per consuetudine molti provvedimenti amministrativi erano esternati con decreto del Presidente della repubblica; la 1. 12 gennaio 1991 n. 13, ha enucleato una serie di atti per i quali si provvede con decreto presidenziale, per tutti gli altri atti si provvede con decreto del Presidente del Consiglio o ministeriale. L’efficacia o esecutività è l’idoneità effettiva, e concreta di produrre-effetti il provvedimento amministrativo, anche se invalido può essere efficace. L’efficacia si acquista dopo che viene esercitato il ‘ controllo sull’atto; nel periodo intercorrente tra la sua emanazione e l’opposizione del visto di legittimità, l’atto si trova in una situazione di pendenza, per cui l’amministrazione può ritirarlo senza procedere all’annullamento. La scissione tra validità ed efficacia è legata all’esistenza di controlli cosiddetti preventivi, ma la legislazione più recente ha ridotto il numero di atti sottoposti a controllo preventivo, la 1. 14 gennaio 1994 n. 20 ha operato una tale riduzione per i controlli degli atti amministrativi statali esercitato dalla Corte dei conti; il d.l. 13 febbraio 1993 n. 40 ha fatto lo stesso con gli atti delle Regioni sottoposti alla commissione statale di controllo; la 1. 8 giugno 1990 n. 142 ha prodotto un’analoga riduzione per gli atti comunali e provinciali sottoposti al controllo del CO.RE.CO.882145958

Il provvedimento efficace è dotato di imperatività, in quanto è in grado di costituire, modificare ed estinguere situazioni giuridiche soggettive unilateralmente. Si è visto che le esigenze proprie del diritto amministrativo sono da un lato quelle di tutelare il cittadino nei confronti delle pubbliche amministrazioni, esigenza definibile garantistica, dall’altro quella di tutelare l’amministrazione nei confronti dei cittadini e del potere giudiziario, consentendo l’attuazione dell’interesse pubblico indicato dalla norma unilateralmente. Il fatto che il provvedimento sia dotato di imperatività e che, anche se invalido può essere efficace, costituiscono condizioni per attuare i compiti attribuiti all’amministrazione dalla legge. L’esecutorietà consiste nel potere che ha l’amministrazione di esercitare direttamente e anche coattivamente le proprie decisioni, con i propri mezzi, senza preventivo accertamento della fondatezza delle pretese davanti al giudice. Di,questa particolare forza sono dotati solo alcuni provvedimenti, per i quali le. leggi espressamente prevedono l’esecuzione diretta, per cui il fondamento della esecutorietà non si può ricercare né nella presunzione75 di legittimità dell’atto amministrativo, nè nella autotutela, ma nella natura stessa delle potestà che vengono esercitate. Il provvedimento può essere viziato per irregolarità, per illegittimità o invalidità. L’irregolarità consiste nella violazione di norme o di regole di corretta redazione dell’atto!, che resta valido ma che può comportare conseguenze di ordine sanzionatorio in capo agli autori materiali dell’atto stesso. L’irregolarità deve essere sanata e d . regolarizzazione. L’atto nullo è improduttivo non può essere convalidato (può essere convertito e consente di produrre gli effetti di un atto diverso dei quali contenga i requisiti).

Il procedimento amministrativo (2°parte)

procedimento

L’intervento è previsto sia come modo di partecipazione che di collaborazione e di difesa. Il capo II agli artt. 4, 5 e 6 configura un responsabile del procedimento

per cui si segue il seguente iter che le pubbliche amministrazioni indicano l ‘ unità amministrativa responsabile e i l dirigente di questa assegna, a sé o ad altro dirigente, la qualifica di responsabile del procedimento.

Questi valuta i presupposti, acquisisce i fatti e gli atti, indice la conferenza dei servizi, si prende cura delle comunicazioni pubblicazioni e notificazioni fino all’adozione del provvedimento finale. Nell’ottica dell’accelerazione delle procedure, gli artt.. 16 e 17 prefissano un termine per l’acquisizione di pareri e valutazioni tecniche. Se non vi è un termine già prefissato, questi debbano essere resi entro 90 giorni dalla richiesta, termine che la legge 127/1997 (Bassanini bis) ha ridotto a 45 giorni; decorso tale periodo si può procedere indipendentemente da esso. La conferenza di servizi e l’accordo tra amministrazioni é un mezzo di semplificazione (dell’attività amministrativa. Previsti dall’art. 14, modificato dall’art. 2 1. 24 dicembre 1993 n. 537. Allorché occorra ponderare più interessi e siano prescritti intese, concerti, nulla osta può essere compiuto un esame contestuale in una conferenza di servizi che s.i conclude con determinazioni concordate. Gli accordi sono uno strumento diretto a disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune. 01-pubblica-amministrazioneNella conferenza di servizi, se per deliberare occorre l’unanimità dei componenti e questa non si raggiunge, le relative determinazioni possono essere assunte dal Presidente del Consiglio dei ministri. I procedimenti sono composti da atti dei quali alcuni sono strumentali o preparatori; altri terminali che, per il loro contenuto imperativo, vengono detti provvedimenti. Questi ultimi si distinguono, secondo una concezione tradizionale, per il fatto che essi soltanto producono l’effetto giuridico preordinato dalle norme. Questa rilevanza del provvedimento è scemata, in quanto non è solo l’atto finale a produrre effetti nel procedimento, il quale a sua volta può concludersi con un contratto. L’attenzione dedicata al provvedimento si giustifica da un lato con l’impostazione unilateralistica e pubblicistica prevalsa in passato, dall’altro con l’atteggiamento della giurisprudenza che assicurava tutela solo nei confronti dell’atto terminale.

I provvedimenti, atti della fase decisoria del procedimento, sono dichiarazioni di volontà o di scienza o di giudizio, assunti nell’esercizio di un potere amministrativo, da parte di un ‘ autorità amministrativa e intesi a produrre determinati effetti. Gli elementi del provvedimento sono: presupposti, motivi, volontà, oggetto, esternazione.                    I presupposti, di fatto o di diritto, sono circostanze al cui verificarsi l’amministrazione emette il provvedimento (es. agevolazioni per le popolazioni colpite da calamità naturali). I motivi rappresentano l’interesse o il fine pubblico anche nel procedimento. L’oggetto è costituito dal bene o dal rapporto giuridico; scelta tesa a produrre l’effetto. L’esternazione è la manifestazione esterna del provvedimento. Per consuetudine molti provvedimenti amministrativi erano esternati con decreto del Presidente della repubblica; la 1. 12 gennaio 1991 n. 13, ha enucleato una serie di atti per i quali si provvede con decreto presidenziale, per tutti gli altri atti si provvede con decreto del Presidente del Consiglio o ministeriale.

Il procedimento amministrativo

procedimento

La prima constatazione da fare è che il procedimento è una sequenza, di atti preordinata non secondo un unico schema, ma corrispondente ai tanti modelli imposti dagli interessi pubblici. Si hanno così procedimenti di certificazione, a cui di recente si sono sostituite dichiarazioni rese dagli interessati, che servono per la legalizzazione di atti (autentica.di- firma); procedimenti di ammissione a pubblici impieghi, proced. di erogazione di agevolazioni, procedimenti concessori. Dalla casistica dei procedimenti si evince che la loro struttura non unitaria. Le diverse sequenze sono state ricostruite in termini unitari secondo le tre fasi di iniziativa, istruttoria e decisoria; ma un procedimento prevede a sua volta un subprocedimento e dei procedimenti collegati. Questa ricostruzione trovava la sua giustificazione in ciò che si riteneva lo scopo del procedimento, il collegamento di una serie di atti miranti ad un effetto finale. Questo era il provvedimento, l’unico che si potesse impugnare.

giudice

La tendenza del giudice amministrativo è stata però quella di consentire l’anticipazione della tutela, con la possibilità di impugnare gli atti interni al procedimento, prima quindi che questo si concludesse con un provvedimento finale che non è stato più l’unico impugnabile. Ciò per evitare che l’azione amministrativa continuasse avendo già prodotto delle lesioni di interessi legittimi. il procedimento come si è visto è frutto anche di una elaborazione giurisprudenziale, che dai singoli procedimenti ha enucleato alcuni principi attraverso il sindacato dell’eccesso di potere delle sue figure sintomatiche. I principi osservati dalla giurisprudenza sul procedimento sono incentrati sulla consapevolezza che se vi sono norme legislative o regolamentari cui l’amministrazione è tenuta, che siano pareri, intese o altri atti, la decisione, assunta senza prima avere espletato gli adempimenti procedimentali previsti, è illegittima. Da questo deriva che non solo l’azione amministrativa con determinati presupposti, è necessaria, ma che essa deve essere anche imparziale, (art. 97 Cost.), coerente e logica. Per tutti questi motivi una disciplina del procedimento si è resa inevitabile. Ha avuto una lunga elaborazione ed è stata preceduta da codificazioni adottate dagli altri paesi, fra cui la più antica è quella dell’Austria del 1925 e fra le più articolate quella tedesca del 1978.

La 1. n. 241/1990, oltre alla disciplina generale sul procedimento e sull’accesso ai documenti amministrativi, contiene alcuni principi generali dell’azione amministrativa che come recita l’art. 1 “persegue i fini determinati dalla legge”, è cioè funzionalizzata e vincolata nei fini. II primo criterio affermato è la comunicazione dell’avvio del procedimento (artt. 7 e 8) che deve essere fatta ai destinatari e a coloro che possono intervenire nel procedimento. Con essa si instaura il contraddittorio e si mette l’interessato in grado di sapere che l’amministrazione procede. E’ esclusa per gli atti normativi e generali. L’art. 10 dispone il diritto di prendere visione degli atti del procedimento concesso sia a coloro che sono destinatari della comunicazione, sia a qualunque soggetto portatore di interessi pubblici e privati, nonché i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni. Questi stessi soggetti hanno diritto di intervenire presentando memorie e documenti (artt. 9 e 10).

Vuoi calcolare l'Ici del tuo immobile? Informarti con le ultime news di ICI Calcolo. Tutto quello che devi sapere su imposte e fisco.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia