Archivi del mese agosto, 2012

L’ottimismo dei mercati dopo l’asta di lettere in attesa della BCE (2°parte)

Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese François Hollande, si incontrano a Berlino il Giovedi e sia tenere incontri separati con il primo ministro greco, Antonis Samaras, la fine della settimana. Il governo greco si attende di ottenere qualche concessione da parte dei creditori internazionali che hanno prestato i soldi ai suoi risparmi secondo (UE, FMI e BCE, la cosiddetta troika ) durante i negoziati del nuovo piano di risanamento dei conti pubblici per un importo di 11.500 milioni di euro nei prossimi due anni. Si tratta probabilmente di una riduzione del tasso di interesse sui prestiti o un rinvio della rimozione. Il Tesoro spagnolo ha beneficiato del rilassamento della pressione sul mercato secondario dei titoli di Stato, in particolare le scadenze più brevi.

I rendimenti dei titoli a due anni è venuto a salire al 7,147% il 25 luglio, ma da allora è sceso a livelli che avevano recuperato a maggio. Oggi si è connessi al 3,585% e ha perso fino al 3,45% dopo aver appreso l’ esito dell’asta, che ha portato al collocamento di 4,515 milioni di euro, con un interesse marginale del 3,20% e 3,45% a 12 e 18 mesi , rispettivamente. Il Tesoro spera di inserire tra 3.500 e 4.000 milioni di euro. Alla fine della giornata, il tipo di due anni debito spagnolo pari a 3,482%. Allo stesso tempo, la redditività di titoli sovrani tedeschi della stessa scadenza è positivo per la prima volta in cinque settimane ha colpito un alto di 0,017% a 0,006% resa alla fine della giornata. Dall’inizio del mese di luglio, l’acquisto cumulativo di questi prodotti, considerato un rifugio dal rischio di spagnolo o italiano debito sovrano, è tale che gli investitori, piuttosto che fare i soldi, sono stati disposti a pagare in cambio per la pace della mente investire in attività più solventi. Il posizionamento finale delle lettere spagnole ai periodi di 12 e 18 mesi è svolto lo scorso 17 luglio e fu il primo, dopo le misure annunciate dal governo per salvare 65.000 milioni di euro in due anni. Il Tesoro e poi superato il volume massimo previsto e ha emesso 3.561 milioni di euro. Anche in grado di ridurre il costo del collocamento sul precedente asta: i titoli a 12 mesi pagato un interesse marginale del 3,99% (3,918% medio) e 18 mesi un marginale 4,35% (4,242% medio). Quel giorno, i due anni di costo del debito ha raggiunto il 4,8% sul mercato secondario. Il Tesoro ha già emesso 72,2% (62.016 milioni di euro) della emissioni lorde di debito a lungo termine previsto per l’intero esercizio (85.900 milioni di euro), con un costo medio del 31 luglio 2012 3, 43%, inferiore al 3,90% con chiuso 2011. L’asta debt prossima è prevista per il 28 agosto in questo caso i punti a 3 e 6 mesi.

L’ottimismo dei mercati dopo l’asta di lettere in attesa della BCE

I mercati concluso la sessione con un rinnovato ottimismo che la crisi del debito sovrano europeo si risolverà prima o poi, con una dichiarazione da parte della Banca centrale europea (BCE). Un’altra cosa è la forma e le condizioni, infine, eseguire l’azione, che porterà ad una qualche forma di acquisto di obbligazioni da determinare. La soluzione non sarà facile, dal momento che questa misura deve superare la resistenza, anche in Europa, la Bundesbank, che ieri tornato in onda la sua riluttanza. In Spagna, gli investitori hanno vissuto una giornata caratterizzata da un asta di buoni del Tesoro che si è conclusa con il collocamento di titoli comodo aa 12 e 18 mesi, per un importo di 4,515 milioni di euro, ad un costo inferiore rispetto al numero precedente agli stessi termini. Il Dow Jones ha iniziato la giornata con un lieve incremento dello 0,1% che ha ampliato a 1,19% in mattinata. All’atto dell’emissione di lettere, tuttavia, il progresso è stato tagliato per portare la bandiera alla zona rossa. Dopo aver lasciato a 0,52% nel pomeriggio, due ore di chiusura ha lanciato una rimonta che ha posto per chiudere a 7544.5 punti, con un incremento dell’1%. Le imprese edili e infrastrutture mantenere l’indicatore di momentum, dopo l’annuncio della scorsa settimana di un piano di investimenti in Brasile per costruire strade e ferrovie per un importo di 133.000 milioni di reais (53,520 milioni di euro) nel paese. Acciona (+7,36%), Abengoa (+6,7%), GIORNO (+4,91%) e Inditex (+3,72%) sono registrati i maggiori profitti, mentre Endesa (-2,25%) Indra (-2,18%) e Mapfre (-2,02%), guidare i cali.

I progressi nella società attive nelle energie rinnovabili, come Acciona e Abengoa, sono state rafforzate oggi dopo le dichiarazioni del ministro delle finanze Bloomberg Cristobal Montoro, che mette in discussione la riforma energetica che apre il Ministero Industria, José Manuel Soria, e che include l’imposizione di nuove tasse per queste imprese. “L’abbiamo opposto dal primo minuto”, ha detto Montoro, dopo sostenendo che la misura è discriminatoria e creare problemi legali. Il premio di rischio (rendimento in eccesso richiesta dei titoli spagnoli a 10 anni rispetto equivalente tedesco) è venuto a cadere a 462 punti base (4,62 punti percentuali), dopo aver iniziato nel 477, e chiuso il giorno 465. Il tasso a 10 anni nel mercato secondario del debito è sceso a un minimo di 6,177%, per concludere la giornata al 6,211%. Il premio di rischio italiano è sceso a 410 punti dopo aver chiuso ieri a 426. Nel resto d’Europa, le principali borse hanno chiuso con guadagni minori, sostenuta dalle aspettative che i dati economici degli Stati Uniti che verranno rilasciati questa settimana sarà positivo (gli acquisti di abitazioni e gli ordini industriali) e che i leader europei saranno in grado avanzare nel processo doloroso di risolvere la crisi del debito sovrano, con un fitto calendario di incontri di diplomazia economica. Londra ha registrato un aumento del 0,57%, Parigi ha guadagnato 0,94%, 0,79% Francoforte e Milano del 2,4%. Il primo ministro lussemburghese Jean-Claude Juncker, Presidente dell’Eurogruppo (ministri delle finanze dei paesi che condividono l’euro), visitare la Grecia domani.

Merkel e Harper difendere il libero commercio per rilanciare l’economia

Il cancelliere tedesco Angela Merkel (i) e il primo ministro canadese Stephen Harper, nel corso di una conferenza stampa congiunta dopo il loro incontro presso il Parlamento a Ottawa, Canada. I due leader si sono incontrati questa mattina per circa un’ora nel Parlamento canadese costruire per discutere le questioni bilaterali, la crisi finanziaria europea e l’economia globale e la situazione in Medio Oriente. Funzionari canadesi ha inoltre osservato che la Merkel, che ieri ha iniziato la sua prima visita bilaterale nel paese nord-americano, e Harper è rimasto altre tre ore di colloqui durante la cena privata che il Primo Ministro canadese tenuto in suo onore nella sua residenza estiva la scorsa notte. Merkel è recato in Canada accompagnato da un gruppo selezionato di rappresentanti delle imprese e BASF tedeschi ThyssenKrupp, che sono interessati ad espandere le loro operazioni in Canada. Durante la conferenza stampa dopo l’incontro di oggi, sia Harper e la Merkel ha indicato che gli accordi di libero scambio, come il commercio di Ottawa e Bruxelles ora, sono necessari per superare la crisi e promuovere la crescita e la creazione di posti di lavoro . “La questione è come creare una maggiore crescita nella zona euro.

E la nostra esperienza è che quando abbiamo accordi di libero scambio con altri paesi, questo ha dato un impulso alla crescita”, ha detto Merkel quando ha chiesto in merito ai negoziati. Harper, che vuole l’accordo commerciale è completato entro la fine dell’anno, è riuscito a strappare il Cancelliere tedesco ha promesso che al suo ritorno a Berlino si adopererà per “accelerare” il progresso dei negoziati. Merkel ha anche respinto qualsiasi legame tra i negoziati e il rifiuto del Canada di fornire finanziamenti al Fondo monetario internazionale (FMI) per contribuire a risolvere la crisi finanziaria in Europa. Il cancelliere tedesco ha detto che “sarebbe sbagliato collegare i negoziati per un accordo commerciale con la salvezza dell’euro”. Da parte sua, Harper, a differenza di quanto accaduto in passato quando l’Unione europea ha raccomandato politiche rigorose di austerità di bilancio, si rifiutò questa volta di offrire “consulenza” pubblico e il cancelliere tedesco ha detto che ha da dire sarà “privatamente”. Questa volta, Harper ha detto di avere “piena fiducia” nella capacità dei leader europei per uscire dalla crisi. “Abbiamo piena fiducia nei nostri amici europei e credono di avere la capacità e la voglia di affrontare le proprie sfide”, ha detto Harper. Merkel ha detto un sacco di colloqui con Harper è stata dominata dalla crisi finanziaria europea e ha spiegato che il Primo Ministro canadese alcuni dei dettagli della situazione. Chiesto dai media, Merkel ha detto che i leader europei dovranno fare i conti in autunno l’idea di “maggiori diritti di intervento” in quei paesi che non soddisfano i criteri di stabilità per l’Europa. Secondo la Merkel, in passato ha difeso i diritti di intervento “forte” per l’incarico di “intervenire direttamente nella legge di bilancio.” “Alla fine della giornata abbiamo concordato una serie di regole e alcuni dei problemi con l’euro è che alcuni di credibilità è stato danneggiato perché molte volte abbiamo detto che avremmo fatto qualcosa e poi abbiamo fatto”, ha continuato. Merkel ha aggiunto che la mancanza di credibilità europea danneggiato la sua reputazione tra gli investitori stranieri. “Abbiamo bisogno di investitori provenienti da fuori Europa. L’Europa stessa non sarà in grado di prevalere solo con investitori europei. Non saremo in grado di finanziare il nostro debito agli investitori europei solo.

La “bad bank” entra in gioco (3°parte)

Oliver Wyman credeva anche che le banche spagnole nascondere parte del credito legata al mattone. “I casi che sono noti suggeriscono che porzioni significative di finanziamenti per lo sviluppo immobiliare e delle costruzioni sono stati erroneamente classificati come tendenze di credito aziendali,” preso atto della relazione del consulente. L’industria sta iniziando a essere riclassificati come crediti in sofferenza molti. Gli ultimi dati di delinquenza, di giugno, proprio il mese che il governo ha chiesto il salvataggio delle banche, ha battuto il record di tutte le serie statistiche della Banca di Spagna, che inizia nel 1962. Gli arretrati sono cresciuti dal 8,9% al 9,4% del totale dei crediti in un mese, a 8.387 milioni di euro emergere difficilmente recuperare. Né è del tutto chiaro che le risorse raggiungere riconquistare gli enti pubblici devono scontare il valore dei loro attivi perso danneggiato. Lo Stato avrà successo se la bad bank vende beni ad almeno lo stesso prezzo che ha comprato. Pertanto, come nel caso irlandese, si parla di un periodo di tempo per rimborsare i prestiti e immobili per circa 10 anni, ma nessuno osa dell’industria mattoni di prevedere quando i prezzi si riprenderà. Santiago Carbo, Professore di Economia e delle Finanze, Bangor Business School e direttore della Fondazione Studi finanziario delle Casse di Risparmio (Func), andare duro per le attività bancarie cattivi liquidato raggiunge recuperare i soldi dei contribuenti. “E ‘stato lento a lanciare questo tipo di gestione e in questo periodo il valore dei crediti e immobili si è deteriorata molto”, in modo che le vendite subiscano perdite. E il mercato è spinosa. Le scorte di case di nuova costruzione sono bloccati in 818 000 unità, con i dati di settembre 2011, secondo il servizio di ricerca di Caixa Catalunya. Gli ultimi dati forniti dal governo, luglio 2011, si è attestato a 687.523 proprietà eccezionale trovare un acquirente. Con previsioni economiche che si estendono al 2013 recessione e scarsa crescita nel 2014, non prevede l’acquisto di baldoria senza un drastico calo dei prezzi. Circa il 25% di tutto il portafoglio di case in vendita si riferisce al settore bancario, secondo le stime di José García Montalvo, professore di economia presso l’Università Pompeu Fabra, un esperto nel settore immobiliare.

“Ora il mercato sta cominciando a muoversi rapidamente per l’incremento dei fondi [che gli enti richiesti dal decreto febbraio a farlo coprire il rischio di insolvenza sui mutui legati al mattone],” dice, ma avverte che in Irlanda avevano torto perché erano molto ottimista sui prezzi: “Hanno pensato che sarebbe ben presto risalire e, invece, è sceso molto di più.” Anche così, il gestore è riuscito a chiudere l’esercizio con un utile netto di 247 milioni. Le banche spagnole senza aiuti di Stato devono anche consegnare i veicoli di gestione del risparmio ai sensi del decreto che il governo ha approvato a maggio, ma con obblighi diversi. Il prezzo fissato dalla banca di vendere i beni male avrà anche effetti sulla salute chiamata banche, uno che non ha bisogno di sostegno. “Il volume degli enti transazioni condotte necessarie per trasferire i propri beni al veicolo di asset management è molto importante, per cui vi è il rischio che le condizioni di tali operazioni contaminare valutazioni delle attività future che in ogni caso deve procedere in individuale “, ha detto Uriah.

La “bad bank” entra in gioco (2°parte)

Rischio unico sviluppatore, le banche avevano accumulato alla fine del 2011 circa 85.000 milioni di euro nelle case, promozioni solari e premiato, e 100.000 milioni di euro nel rischio di discutibile o di default. Con la bad bank, lo Stato diventa un gigante immobiliare. Il MOU invita Spagna disponga di un quadro giuridico di tale strumento alla fine di agosto, e il governo approverà le basi attesi nel Gabinetto prossimo Venerdì. USA consulenza Alvarez & Marsal è la progettazione dello strumento. Il trasferimento delle attività sarà obbligatoria per le quattro entità che sono ora nelle mani dello Stato attraverso il fund salvataggio delle banche (Frob), Bankia, Catalunya Banc, NCG Banco e Banco de Valencia, e per la richiesta di aiuti per il salvataggio. L’obiettivo è quello di lanciare nel mese di dicembre. Il prezzo influenzerà per attirare gli investitori privati alla bad bank. Finora, molti fondi specializzati in attività deteriorate hanno annusato il portafoglio crediti delle banche spagnole, ma non operazioni significative sono state chiuse, come questi investitori chiesto sconti molto interessanti. “Hanno chiesto di sconti del 60% alle banche e non erano disposti a prendere, perché sarebbe andato in tilt”, ha detto una fonte del settore.

Ora, se la bad bank non includere tali attività con uno sconto, anche rilevanti, con il sostegno pubblico, potrebbe essere meno difficile da vedere denaro privato pronto ad andare in quella direzione. Ma nel mercato per scontato che la bad bank nascerà come un ente pubblico e, di conseguenza, il loro debito sarebbe quella stessa considerazione. “Il finanziamento di veicoli di gestione del risparmio può essere fatto in diversi modi, ma il debito di emissione con una qualche forma di garanzia dello Stato è stata un modello utilizzato in altre giurisdizioni”, ha dichiarato Francisco Uria, partner responsabile del settore finanziario KPMG. “Se il veicolo è principalmente coinvolto o controllate dal Frob, il problema del debito rischia di essere considerato come debito pubblico.” KPMG, insieme a PwC, Deloitte e Ernst & Young, è uno degli audit che ha esaminato il coraggio delle banche spagnole a presentare al governo una relazione sullo stato dei crediti come base per un altro test di resistenza. La relazione deve calcolare le perdite sostenute in una banca avverso scenario economico e, pertanto, ha bisogno di ricapitalizzazione che avete. Questo è quando si conosce lo stato di ogni entità e se avete bisogno di aiuto. Fino ad ora, i rapporti di Oliver Wyman e Roland Berger all’inizio dell’estate, sulla base di informazioni raccolte da parte della Banca di Spagna, lanciando una perdita totale di 62.000 e 52.000 milioni di euro, rispettivamente. In uno scenario di base, se è conforme con la previsione già economica negativa, i requisiti patrimoniali sarebbero 16.000 a 25.000 milioni di euro, secondo Oliver Wyman, e 25.600 milioni di euro, secondo Roland Berger. Questo gruppo di test e degli esami da parte di organismi indipendenti che rispondono per tentare di calmare la diffidenza enorme e mercati dell’Europa sentire sul settore finanziario spagnolo, credendo che i loro corpi non hanno ancora riconosciuto nei suoi saldi di ammortamento interi di stanziamenti legato al mattone.

La “bad bank” entra in gioco

Alan Ahearne continua a ripetere dall’altra parte del telefono: “Bisogna essere realistici.” E ‘l’unico consiglio che osa dare l’economista Bruegel Institute e consulente Spagna per l’ex ministro delle Finanze irlandese Brian Lenihan, che hanno favorito la creazione della banca irlandese male nel dicembre 2009 e la ristrutturazione Teuteló finanziario del paese. Il NAMA chiamata (acronimo per l’agenzia che ha acquistato le attività di banche irlandesi danneggiati) ingerite circa 74.000 milioni di euro in prestiti a uno sconto medio del 58%, ma ancora sono venute meno in quanto i prezzi sono scesi di oltre il 60 % rispetto ai picchi del 2007. La Spagna ha ceduto a Bruxelles e ha rotto il tabù, un altro, in questo episodio della crisi: creare una società di gestione (colloquialmente, una bad bank) che le attività di gruppi di banche con gergo aiuto finanziario pubblico chiamato problematico o tossici , ovvero la rilevazione difficile o rischioso, quasi tutti legati alla scoppio della bolla immobiliare. “E ‘fantastico per separare i sani dai credito danneggiato, ma lo sconto che si applica ai prestiti immobiliari devono essere realistici”, ricorda Ahearne. “Se i prezzi sono diminuiti in percentuale, per quanto elevato, si esprimono, e se ci sono perdite di grandi dimensioni, le banche devono ricapitalizzare.” Il problema in Spagna è che nessuno sa che cosa è inutile.

Il governo ha dovuto chiedere ai suoi partner della zona euro uno di fino a 100.000 miliardi di salvataggio per il settore finanziario, che è afflitto campo per i soggetti beneficiari di assistenza pubblica: tutti dovranno trasferire i beni tossici alla bad bank. A quale prezzo? Si tratta di una questione fondamentale. I fogli bilanci delle banche non hanno ancora recepito l’ammortamento dei beni sul mercato: si parla di uno sconto fino al 60% del valore originario, e hanno coperto le entità con le forniture di circa il 35% in media. Spostare valori correnti di mercato ai conti degli enti creerebbe un buco significativa nel capitale e mettere in imbarazzo molti di loro, in modo che il protocollo d’intesa (MOU iniziali) che l’Europa ha firmato con la Spagna spera il trasferimento di attività a qualcosa di etereo e di gas come il prezzo di mercato a lungo termine. La metodologia di calcolo che sulla base delle prove di stress per le banche e il risparmio che si concluderà nel mese di settembre. “Che circa il 25% di differenza tra riconosciuta dalle banche e il prezzo di mercato è quello che molte entità avrà bisogno del sostegno pubblico, e quelli il contribuente deve sopportare il male se la banca non riesce a recuperare le vendite mercato “, spiega una delle aziende che hanno verificato i il settore. La filosofia di una bad bank è: credito danneggiato necessario per ripulire il settore finanziario e viene venduto sul mercato, al fine di recuperare il denaro pubblico. Da allora non più definita. Per cominciare, si decide quale forma giuridica di questo strumento, e chi lo gestisce, e che tipo di attività incluse. Although legato al credito brick massa (problematici e immobili) è la più rilevante, Bruxelles sostiene anche che incorporano loans di gestione, anche se non connessi ai promotori, frutto di rischio, come quelli concessi alle imprese in altri settori o mutui ipotecari a privati.

Assange, intrappolato in un vicolo cieco

Archiviato in: Wikileaks Julian Assange Londra Conflitti diplomatici Ecuador Inghilterra Ambasciate Asilo politico Regno Unito L’Europa occidentale Sudamerica America Latina Relazioni internazionali Conflitti politici Partiti politici America Europa Affari esteri Politica Giustizia Nessuno sa per certo che ora di quel 19 giugno Assange si è presentato presso l’Ambasciata dell’Ecuador a Londra per chiedere asilo politico, scatenando un groviglio legale e diplomatica il cui esito resta da vedere. Solo che lui non era ancora caduta la notte, perché la notizia è arrivata dopo le 8 in una giornata estiva.

Il suo fisico alto punto uno spilungone, l’ingrigimento precoce dei capelli, è andato completamente inosservato nel quartiere di Knightsbridge, quando il fondatore di Wikileaks ha accettato di ammorbidire edificio di mattoni rossi che sarebbe diventata la sua casa a tempo indeterminato. Perché fuori l’edificio non è, ovviamente, facile come input per il riparo. Dopo otto settimane da quando l’australiano, 41 anni, è diventata la missione diplomatica nella loro trincea particolare, hanno bisogno di sapere come apañará il governo di Rafael Correa per spostarlo da uno dei più vivace sede commerciale e centro di Londra Harrods, a Quito o altro punto del territorio ecuadoriano. Assange non si può mettere un piede al di fuori del recinto, con il rischio di essere arrestato dalla polizia britannica . Violato la legge quando ha lasciato il palazzo di un amico a Norfolk dove doveva passare la notte sotto i termini concordati al periodo di prova, e saltato la visita obbligatoria al giorno alla stazione di polizia a firmare. Non esiste un modo umano di recarsi in uno dei cinque aeroporti di Londra senza fare un passo sul suolo britannico. La concessione di un pass, che richiede per il loro cliente, e oggi exjuez avvocato Baltasar Garzon , è stata respinta dal governo britannico, a differenza di violare i suoi obblighi con il marchio europeo di estradizioni. Il presidente Correa non risolve il pasticcio Assange concedere lo status di diplomatico per conto di Ecuador, perché il Ministero degli Esteri dovrebbe approvare la nomina e non è disposto. Looping il ciclo, le autorità di Quito può nominare diplomatico alle Nazioni Unite, ma lo scandalo prima che la decisione sarebbe così clamoroso che ha senso di disfarsene. Così, forum su internet sono pieni di speculazioni su ipotetici sezione giocoleria fisicamente incrocio tra l’ambasciata e un piano che portano a Assange alla libertà. Nulla sembra giungere a buon fine. Sede ecuadoriana si trova al primo piano del palazzo, condiviso con la delegazione della Colombia e molti appartamenti privati. Il creatore di Wikileaks non riusciva nemmeno a bordo di una vettura con la bandiera diplomatica, e quindi intoccabile, senza passare attraverso il “territorio britannico”, come lo sbarco molto. Né il garage privato o uscire dall’edificio barricati con i cancelli sono collegati direttamente all’impianto che rimane Assange. Il portiere ha detto a Reuters che, anche se si decide di buttarsi dalla finestra, telecamere a circuito chiuso di rilevare immediatamente la facciata. Sarebbe anche illegale “controllarlo” nella valigia diplomatica, un’opzione che sembra tuttavia pellegrina eseguito le autorità in Nigeria nel 1984 con il rapimento di un ministro accusato di corruzione e, letteralmente, mandare il suo paese in una cassa . Tutte queste congetture, che si prestano a contenere anche scherzare, in realtà un terribile dramma umano di difficile soluzione per il vostro protagonista. Assange prende due mesi rinchiusi presso l’ambasciata e di persistere nella loro resistenza deve essere estradato in Svezia , si potevano aspettare per lui nel corso di settimane, mesi o addirittura anni di rassegnazione verso il mondo esterno.

Il governo spagnolo propone a Bruxelles un aggiustamento di 102.000 milioni di euro entro il 2014 (2°parte)

Questa misura è un po ‘qualificato per gli insegnanti, gli ispettori fiscali e del lavoro, polizia, militari e personale medico. In questi casi, il governo andrà a sostituire uno dei dieci dipendenti pubblici che vanno in pensione. Tuttavia, va notato che in molti autonomie questa tonalità per nulla. Quest’anno, per esempio, la maggior parte delle comunità non hanno sostenuto esami per gli insegnanti. È inclusa anche la creazione di una nuova tassa sugli oli minerali, il cosiddetto penny verdi, che ingrassare le casse del Tesoro in 2.300 milioni di euro. Per quanto riguarda le altre misure fiscali contenute nel piano approvato è solo modifiche sostanziali nella “regio decreto 20/2012 sulle misure per garantire la stabilità fiscale”. Obbligatorio anche se l’impatto di questi cambiamenti fiscale che, insieme, la notifica allo Stato circa 4.975 milioni di euro nel 2012, 15.069.000 nel 2013 e 15.425.000 nel 2014. Di questi, la soppressione nel 2013 del credito d’imposta per l’acquisto di abitazioni dalle imposte sul reddito è 3.200 milioni.

Le 48 pagine del documento non rivela se nel 2014 il governo ha abolito la “tassa di solidarietà”, come eufemisticamente chiamato l’aumento di imposta sul reddito che è passato lo scorso dicembre e aveva in effetti fino al 2013. Il documento presentato dalla Giunta della Commissione europea Rajoy dettagli l’impatto delle aliquote più elevate avrà sulle entrate fiscali. Il piano rivela che il reddito più come riferito al governo, sempre secondo i suoi calcoli, è di aumentare il tasso generale del 18% al 21% comporterà allo Stato un reddito aggiuntivo di 13.260 milioni da 22.104 mila che rappresenta l’incremento totale di aliquote d’imposta sul consumo. “L’aumento del tasso generale di questo taglio fiscale fornirà un gettito aggiuntivo di 2.300 milioni di euro quest’anno, dai 10,134 milioni nel 2013 e 9.670 milioni nel 2014. Esso comprende anche modifiche normative dell’imposta sulle società per stabilizzare le proprie entrate e dalle accise “, il riferimento del Consiglio dei Ministri. Il bilancio biennale stima che le regioni ritagliata 9.627 milioni di euro nella sanità e nell’istruzione nel 2014. Il governo ha escluso eventuali ulteriori adeguamenti in queste aree. Tale importo rappresenta l’impatto cumulativo delle riforme della sanità e dell’istruzione adottate dal governo in aprile e aveva calcolato che un adeguamento sarebbe pari a circa 11.000 milioni entro il 2013. Ciò è previsto per le misure di “riduzione della spesa farmaceutica, regolando i rapporti degli studenti e aumentando il giorno di scuola”, secondo la nota inviata dal Governo. Esecutivo accumula l’effetto della misura mentre il taglio è unico. Pertanto, anche se l’impatto di questo piano è un insieme di oltre 102.000 milioni di euro, poco più di due punti di riduzione del disavanzo nel PIL, come riconosciuto dal FMI a causa l’accumulo di misure non tagliare il deficit. Bruxelles ha ricevuto il documento di ieri, riferisce Luis Doncel. La diplomazia ha reagito alla presentazione del piano di bilancio spagnolo per il 2013 e il 2014. “Accogliamo con favore il piano, discusso in dettaglio”, ha detto ieri un portavoce della Commissione europea. Nessun segno delle critiche che sono state ascoltate nei giorni scorsi negli uffici di Bruxelles per la mancanza di specificità dei piani del Ministero delle Finanze e il ritardo nella presentazione del documento, che sarebbe dovuto arrivare a fine luglio.

Il governo spagnolo propone a Bruxelles un aggiustamento di 102.000 milioni di euro entro il 2014

Il governo ha inviato ieri a Bruxelles il bilancio biennale 2013-2014, che include una regolazione globale di 102.149 milioni di euro. Lo ha fatto tre giorni di ritardo sulla scadenza fissata dalla Commissione europea, che deve presentare entro la fine di luglio in cambio per un anno di differire l’obiettivo di disavanzo.   Il progetto biennale comprende misure di adeguamento approvato l’ultima volta da Mariano Rajoy nel mese di luglio, i dettagli l’impatto di alcuni di coloro che erano senza cuiantificar e include alcune nuove funzionalità. In totale, rappresenta un adeguamento supplementare di 37.000 milioni di euro per le impostazioni per Rajoy ha annunciato due settimane fa. Le modifiche più importanti sono l’estensione del blocco sul lavoro pubblico fino al 2014 e la tassa del petrolio. Il documento chiarisce inoltre che il margine di deficit del governo è stato a Bruxelles quest’anno è interamente del governo centrale, che avrà un ulteriore punto (passando dal 3,5% al ​​4,5%) per pulire la deviazione budget.

Nelle ultime settimane, il governo Rajoy ha emesso un impulso con la Commissione per il contenuto del piano biennale. Bruxelles ha chiesto bilanci dettagliati e contenente misure supplementari che ad assicurare il rispetto degli obiettivi di disavanzo nel 2014 come un inasprimento di assicurazione contro la disoccupazione e tagli alle pensioni. Il governo ha sostenuto, tuttavia, presentano uno meno completo rispetto alle loro stime includono solo le misure macroeconomiche e di regolazione adottate finora per non pizzicare le mani se in futuro è necessario applicare ulteriori tagli. Infine, l’esecutivo ha inviato una Rajoy di 48 pagine del documento che specifica l’impatto delle recenti misure di inasprimento, ma non incorpora le misure suggerite dalla Commissione europea. Il governo ha riferito del piano attraverso il sito web de La Moncloa, anche se Rajoy ha offerto una conferenza stampa in cui ha fatto alcun riferimento alle regolazioni del piano biennale. L’insieme di tutte queste misure di adeguamento è pari al 13,118 milioni di quest’anno, 38.956 milioni di euro nel 2013 e 50.075.000 nel 2014. In totale, un effetto complessivo di euro 102.149.000 approvato iniziative Rajoy in data 11 luglio e poi quantificato 65.000 milioni di euro. Questa differenza, di circa 37.000 milioni, principalmente a causa della quantificazione di alcune decisioni che hanno un impatto non è stato calcolato o è stato stimato per il 2014. Ma ci sono anche alcuni nuovi. Secondo fonti governative, le principali misure complementari tra cui il progetto biennale è un’estensione del blocco sul lavoro pubblico, passato quest’anno, 2013 e 2014, che farà risparmiare 5.300 milioni (1.800 milioni di euro nel 2013 e 3500 nel 2014). Cioè, il governo non può sostituire i dipendenti pubblici che vanno in pensione nei prossimi due anni, riducendo la forza lavoro e quindi diminuire la spesa sul libro paga. Così nel piano presentato a Bruxelles dalla Rajoy risparmio figura al servizio pubblico di 14.320 milioni di euro fino al 2014, contro i 9.219.000 fornito finora.

L’andamento del debito italiano

Il differenziale di tasso di interesse di 10 anni di debito italiano è salita a 512 punti, avendo iniziato nel 456, per terminare la sessione a 509. La reazione del mercato è spiegato dalle aspettative eccessive sollevate da alcune dichiarazioni fatte la scorsa settimana a Londra quando Draghi ha detto l’istituto che presiede è disposto a fare “tutto il necessario” per preservare l’euro e l’alto livello premi per il rischio, nella misura che “minano la performance del canale di trasmissione della politica monetaria,” caduta BCE “nell’ambito del suo mandato”. Questo è esattamente ciò che sta accadendo: nonostante tassi di interesse storicamente bassi, gli investitori sono diffidenti nei confronti della solvibilità della Spagna e l’Italia e per evitare di prendere posizioni in debito sovrano di questi paesi, facendo precipitare i prezzi delle obbligazioni e spingendo al rialzo il I rendimenti sul mercato secondario. Il presidente della Bce, tuttavia, ha indicato che nessuna norma azione per la politica monetaria “non convenzionali”, senza specificare che al di là di una vaga allusione ad esso in “prossime settimane”, che sarà progettato.

Per il momento, tuttavia, non sembrano andare a riprendere, come molti investitori sembravano aspettarsi, il programma di acquisto di debito (Securities Markets programma in lingua inglese), lanciata nel maggio 2010 e sulla base di che si sono accumulati in i titoli delle banche centrali di bilancio greco, irlandese, portoghese, italiano e spagnolo. Sappiamo che l’opposizione della Bundesbank, la banca centrale più grande e più influente dell’Eurosistema per l’acquisto di debito dei paesi con squilibri di bilancio, come nella mente tedesca ciò equivale per finanziare i deficit degli Stati membri, nella misura vietato da un trattato UE. In un’intervista il 29 giugno e pubblicato sul sito Internet della banca centrale tedesca ieri, il presidente dell’istituzione, Jens Weidmann, insiste sul fatto che la BCE non dovrebbe superare il suo mandato che è quello di mantenere la stabilità dei prezzi. L’istituzione monetaria non ha annunciato nuove misure per iniettare fondi a lungo termine nel sistema, come ha fatto il precedente dicembre e febbraio, quando aveva concesso prestiti a tre anni e l’1%, pari a un miliardo di euro ad una varietà di istituzioni finanziarie europee (nella nomenclatura della BCE è di circa operazioni di rifinanziamento a lungo termine, o ORLT). Su quando potrebbe essere attuata dalla BCE, Draghi è stato esplicito: “La risposta è semplice, quando i governi soddisfa la condizione per distribuire il fondo di salvataggio”. L’ipotesi di riattivazione del programma di acquisto e del suo coordinamento con i fondi europei lascia aperte diverse domande. La principale è come Draghi dovrà affrontare la opposizione della Banca centrale tedesca (Bundesbank) e il governo tedesco . La Bundesbank ha contestato più volte al recupero del debito programma di acquisto presso la BCE. Nel frattempo, il Ministero delle Finanze tedesco ha dato un tiepido assenso a questa possibilità, ma ha ripetutamente negato la necessità di fondi per l’acquisto di stabilità spagnolo debito. In linea di principio, l’acquisto di debito da parte del fondo di stabilità (ESM parlato oggi, non ancora in funzione) richiede una richiesta formale da parte del governo beneficiario e ha firmato un nuovo protocollo d’intesa. Ciò comporterebbe la necessità di applicare le nuove impostazioni. Nel frattempo, il governo tedesco avrebbe dovuto ottenere il permesso del Parlamento ad approvare più pagamenti. Inoltre, la BCE ha deciso di mantenere i tassi di interesse al minimo storico dello 0,75% e sui depositi overnight, che è l’interesse con cui il denaro versato lasciare banche parcheggiati nelle sue casse, a 0 %.

Vuoi calcolare l'Ici del tuo immobile? Informarti con le ultime news di ICI Calcolo. Tutto quello che devi sapere su imposte e fisco.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia