Canone Rai. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Canone Rai’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Canone Rai. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Disdetta Canone Rai

La disdetta dal Canone Rai si realizza solamente al verificarsi di almeno uno dei seguenti eventi:

  • L’abbonato cede tutti gli apparecchi che detiene.
  • La disdetta indicante le generalità e l’indirizzo del nuovo detentore deve essere inviata a mezzo raccomandata. Successivamente all’invio della raccomandata, il S.A.T. invierà all’abbonato un modulo di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che dovrà essere debitamente compilato, firmato dal cedente e dal cessionario e restituito per la definizione completa della richiesta di annullamento.
  • L’abbonato dichiara di non detenere più alcun apparecchio fornendone adeguata comunicazione (ad es. per furto o incendio).
  • Successivamente all’invio della raccomandata, il S.A.T. invierà all’abbonato un modulo di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che dovrà essere debitamente compilato, firmato e restituito per la definizione completa della richiesta di annullamento.
  • L’abbonato intende rinunciare all’abbonamento senza cedere ad altri gli apparecchi.
  • L’abbonato si trasferisce in casa di riposo[18]

In caso di decesso dell’intestatario, gli eredi possono richiedere:

  • La variazione di intestazione a nome di un erede, qualora lo stesso non sia abbonato e prelevi il televisore (fornendo le generalità, complete di codice fiscale del nuovo intestatario)
  • La chiusura dell’abbonamento indicando il luogo e la data del decesso.

Canone Rai

Il canone televisivo o canone RAI è un’imposta sulla detenzione di apparecchi atti od adattabili alla ricezione di radioaudizioni, indipendente dalla reale fruizione o dalla volontà di fruire del servizio. Le entrate dello Stato derivanti da questa imposta sono devoluti direttamente alla RAI – Radiotelevisione Italiana S.p.A..

In quanto imposta, la prassi della determinazione di un canone a prezzo unico è stata ritenuta conforme al principio di proporzionalità impositiva, in quanto la detenzione degli apparecchi è essa stessa presupposto della sua riconducibilità ad una manifestazione di capacità contributiva adeguata al caso.

Pertanto l’imponibilità dipende esclusivamente dalla detenzione di un apparecchio, indipendentemente dall’effettiva ricezione dei programmi della Rai o dalla mancanza di interesse a riceverne. La legittimità dell’obbligo è stata confermata da diverse sentenze della Corte costituzionale e della Corte di Cassazione.

Il tributo è nominale ed il soggetto obbligato è il detentore, cioè è intestato al detentore dello o degli apparecchi. Non ha importanza la proprietà dell’apparecchio, se questo sia in comodato oppure si trovi in una casa in affitto. Non è discriminante nemmeno la cittadinanza: al tributo sono soggetti anche gli stranieri, turisti compresi, i quali potrebbero essere tenuti anche alle operazioni doganali relative all’importazione, ancorché temporanea, degli apparecchi.

Vuoi calcolare l'Ici del tuo immobile? Informarti con le ultime news di ICI Calcolo. Tutto quello che devi sapere su imposte e fisco.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia