Ici Reggio Emilia. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Ici Reggio Emilia’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Ici Reggio Emilia. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Ici Reggio Emilia

Aliquota agevolata pari al 5,8 per mille per:

L’abitazione principale censita nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e per gli altri casi di immobili adibiti ad abitazione principale del proprietario per i quali non si applica l’esenzione dall’imposta, una autorimessa (C/6) o un posto auto (C/6 o C/7) e una cantina (C/2) o una soffitta (C/2) di pertinenza dell’abitazione principale. L’abitazione posseduta da italiano residente all’estero a condizione che essa rimanga vuota.

Property Taxes. Immagine: Harry Chen Thinks Aloud

Property Taxes. Immagine: Harry Chen Thinks Aloud

Continua a leggere Ici Reggio Emilia…

Ici Reggio Emilia 2010

Per pagare l’Ici a Reggio Emilia nel 2010 una volta che la prima data è già passata dobbiamo pagare il ravvedimento operoso. Cioè  pagare dopo la data stabilita con una piccola multa aggiunta. Ecco che cosa ci consiglia di fare il comune di Reggio Emilia:

450_reggio-emilia

Nel caso in cui accada di dimenticarsi di versare l’ICI, il contribuente può versare tardivamente l’imposta dovuta applicando una sanzione ridotta e gli interessi moratori. Infatti, per evitare che vengano applicate sanzioni elevate per tali omissioni dal nostro Ufficio addetto al controllo, il Contribuente che si accorge, prima che se ne accorga l’Ufficio, di non aver provveduto nei termini previsti dalla legge ad effettuare i pagamenti richiesti, può versare tardivamente l’imposta dovuta applicando una sanzione ridotta e gli interessi moratori.

Tale procedura si chiama “Ravvedimento Operoso”.

Il “Ravvedimento Operoso” è regolato dall’articolo 13 del Decreto Legislativo n° 472/97 (come modificato dal D.L. n° 185 del 29/11/2008, pubblicato sulla G.U. n° 280 del 29/11/2008) e dalla circolare delle Finanze n° 184/E del 13/07/98.
Riportiamo di seguito le modalità operative per effettuare il ravvedimento operoso relativamente alla omissione del versamento del tributo, in quanto risulta essere la più frequente.

Omesso versamento del tributo.
Nel caso il Contribuente non abbia provveduto ad effettuare il versamento dell’imposta comunale sugli immobili entro le scadenze previste, è possibile effettuare il versamento tardivo applicando all’imposta dovuta e non versata le sanzioni e gli interessi.
Se il versamento viene effettuato entro 30 giorni dalla normale scadenza la sanzione è pari al 2,5% (1/12 del 30%) dell’imposta dovuta e non versata, gli interessi vanno calcolati a giorni sulla base della percentuale del 3% annuo fino al 31/12/2009 e del 1% annuo a partire dal 01/01/2010.
Se il versamento viene effettuato oltre 30 giorni dalla normale scadenza la sanzione è pari al 3% (1/10 del 30%) dell’imposta dovuta e non versata, gli interessi vanno calcolati a giorni sulla base della percentuale del 3% annuo fino al 31/12/2009 e del 1% annuo a partire dal 01/01/2010.
Entro il 31 dicembre 2010 è possibile sanare anche gli omessi versamenti relativi all’anno 2008 in presenza, però, di regolare dichiarazione ICI presentata nei termini.
Il Contribuente che intende sanare la violazione dovrà munirsi di un normale bollettino di versamento ICI, compilarlo indicando nelle voci parziali (terreni agricoli, aree fabbricabili, abitazione principale, altri fabbricati, detrazione) l’esatto ammontare dell’imposta dovuta e non versata, mentre il totale da versare dovrà contenere, oltre all’imposta dovuta, le somme dovute per sanzioni ed interessi arrotondando la somma all’euro (esempio: totale da versare euro 115,49 arrotondato a euro 115,00, totale da versare euro 115,50 arrotondato a euro 116,00), dovrà essere barrata l’apposita casella “ravvedimento”.
Il versamento può essere effettuato anche utilizzando il modello F24ICI barrando la cesella “ravvedimento” e seguendo le normali procedure di compilazione, contrariamente a quanto avviene per il bollettino postale nel modello F24ICI nelle voci d’imposta parziali dovranno essere comprese anche le sanzioni e gli interessi in modo che la loro somma corrisponda esattamente al totale da versare, in caso contrario la banca o l’ufficio postale non accettano il modello.

Una volta effettuato il versamento tardivo occorre comunicare all’ufficio ICI l’avvenuto pagamento a sanatoria, utilizzando l’apposito modello al quale dovrà essere allegata la fotocopia della ricevuta di versamento.
Al Contribuente che pur avendo versato in ritardo l’imposta non ha effettua il versamento comprensivo della sanzione ridotta e degli interessi, verrà inviato, nei termini di legge, un atto di liquidazione d’imposta con l’applicazione dell’intera sanzione (30%) e degli interessi previsti.
E’ possibile effettuare il ravvedimento operoso per omesso versamento entro il termine del 31 dicembre del secondo anno successivo all’omesso o parziale versamento (per es. l’omesso versamento 2008 può essere regolarizzato entro il 31/12/2010).

Esistono ulteriori forme di ravvedimento operoso (tardiva/omessa dichiarazione con omesso e/o parziale versamento d’imposta), per informazioni più approfondite in merito a scadenze, sanzioni e modalità operative è necessario rivolgersi direttamente all’Ufficio ICI.

Condono per tributi locali ai sensi dell’articolo 13, legge n° 289 del 27/12 2002
Con Delibera di Consiglio Comunale n. 5686/48 del 11/04/03 il Comune ha inteso di rinunciare alle opzioni di condono introdotte dalla Legge Finanziaria per l’anno 2003.

Vuoi calcolare l'Ici del tuo immobile? Informarti con le ultime news di ICI Calcolo. Tutto quello che devi sapere su imposte e fisco.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia