Dichiarazione Ici

Dal 2008, grazie al fatto che ormai i Comuni hanno libero accesso ai dati catastali, la dichiarazione Ici non è più obbligatoria, fermo restando alcuni casi particolari:

  • Quando il Comune stesso non può accedere alla banca dati catastale per attingere alle informazioni necessarie atte alla determinazione dell’Ici.
  • In presenza di modificazioni soggettive ed oggettive comportanti una riduzione dell’imposta comunale sugli immobili.

Se in presenza dell’obbligo di presentare la dichiarazione Ici, ricordiamo che dev’essere fatto nell’anno successivo a quello in cui si sono verificate le modificazioni di cui sopra.

La temuta dichiarazione. Fonte: www.gbsoftware.it

La temuta dichiarazione. Pick: www.gbsoftware.it

Tuttavia il presente testo non costituisce di per sé una regola ferma, in quanto le disposizioni variano di anno in anno e da Comune a Comune, come abbiamo più volte ripetuto nei precedenti articoli.

Il modulo per tale dichiarazione è composto da due facciate: nella prima troviamo l’indicazione del Comune destinatario e dei dati identificativi del contribuente. Nella seconda facciata vi è la descrizione degli immobili per i quali c’è l’obbligo della dichiarazione Ici. Se un modello non fosse sufficiente si possono utilizzare altri ma ricordandoci di indicare il numero totale dei modelli compilati nell’apposito spazio posto in calce alla seconda facciata di ciascun modello adoperato.

Un valido aiuto per la compilazione della dichiarazione Ici lo troviamo al seguente indirizzo web: http://www.dossier.net/guida/tab03.htm.

Artículos relacionados