Ici Caserta

Per calcolare l’ici a caserta è sempre raccomandabile leggere che cosa scrive il comune sull’imposta nei documenti ufficiali. Tra molte pagine piene di numeri e liste infinite troverte anche il testo che vi propiniamo in questo post inoltre alle consuete aliquote ici caserta e alle esenzioni ici caserta.

L’ Imposta si calcola applicando alla base imponibile di ciascun oggetto di imposizione la relativa aliquota fissata dal Comune e computando poi le eventuali detrazioni e/o riduzioni spettanti. Per i fabbricati iscritti in catasto, la base imponibile è rappresentata dalla rendita catastale dell’immobile, rivalutata del 5%, e moltiplicata:

  • x 100 per i fabbricati classificati nei gruppi catastali A (abitazioni) e C (cantine-magazzini-garages), con esclusione delle categorie A10 e C1;
  • x 50 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D (opifici, alberghi, ecc) e della categoria A10 (uffici e studi privati);
  • x 34 per i fabbricati classificati nella categoria C1 (negozi e botteghe);
  • x 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B (scuole, convitti ecc.)

L’ Imposta ICI deve essere rapportata alla percentuale di possesso dell’immobile ed ai mesi di possesso dello stesso nel 2010, considerando per intero tutti i mesi nei quali il possesso si è protratto per almeno 15 giorni. Per le aree fabbricabili la base imponibile è data dal valore venale in comune commercio. Per i terreni agri col i l a base imponibile è data dal reddito dominicale, rivalutato del 25%, mol t i pl i cat o per 75. Per i fabbricati del gruppo catastale D non iscritti in catasto posseduti interamente da imprese e contabilizzati distintamente, il valore è calcolato sulla base del costo risultante dalle scritture contabili al lordo delle quote di ammortamento maggiorato con l’applicazione degli appositi coefficienti di cui al D.M. Finanze del 09/03/2010.

Reggia_di_Caserta4

Artículos relacionados