Imu senza frontiere e tanto altro! (2°parte)

Il soggetto attivo del IMU è comune . Il comune deve inviare il stato il 50% calcolato sulle IMU tutti gli edifici comunali con un tasso base del 0,76%, escluse le residenze “primarie” e “Dispositivi” , a prescindere delle detrazioni, le variazioni tassi di risoluzione degli edifici comunali in uso rurale e strumentale. Gli effetti della possibile evasione fiscale da parte dei proprietari sono esclusivamente sulle casse comunali, raddoppiato rispetto alla formulazione originale nel DL 23/2011. La determinazione del caso, applicando l ‘ aliquota in base imponibile , dopo aver sottratto il risultato dal possibile deduzione per l’abitazione principale. La base imponibile di ciascuna proprietà si ottiene moltiplicando la rendita catastale della della rendita catastale con il moltiplicatore dato dalla categoria catastale , rivalutata del 5% tutti, se è prodotto, il 25% è costante. I moltiplicatori sono:

160 per gli edifici classificati come Gruppo A e catasto nelle categorie C / 2, C / C e 6/7, ad esclusione della categoria catastale A/10;

140 per gli edifici classificati nel gruppo B e Catasto Catasto nelle categorie C / C 3/4 e C / 5;

80 per gli edifici classificati come terra A/10;

60 per gli edifici classificati nel gruppo D registro;

55 per gli edifici classificati come terra C / 1.

120 per la terra

Tariffe

Il decreto definisce normativa fiscale che ha introdotto la tariffa di base, modificato dai singoli comuni con delibera del Consiglio. Le tariffe si basano:

0,4% per l’abitazione principale, come modificato dal 0,2% a 0,6%;

0,2% per gli edifici agricoli, come modificato dal 0,2% a 0,1%;

0,76% per i posti che non producono reddito della Terra e quelli concessi o locati a terzi, regolabile a 0,4%

per i casi rimanenti 0,76% , 0,56% modificato da un 0,96%.

Detrazioni

Per le case che soddisfano i requisiti della casa principale c’è una detrazione di € 200 per anno, se i requisiti non sono rispettati durante tutto l’anno, la detrazione si applica in proporzione al tempo in cui ha incontrato requisiti.

Esempi di valutazione

Dare il caso di un soggetto passivo è il proprietario di:

una proprietà che soddisfi i requisiti di accoglienza di una residenza principale solo fino al 30 giugno 2012, con la scheda 250 € ;

di un garage ed un deposito, le dipendenze della proprietà prima, importo del reddito pari a € 50 ;

un garage che non è imputabile alla proprietà, il reddito € 25 ;

un ufficio, le entrate € 150 ;

una rendita catastale di terreni agricoli con 25 € ;

La procedura per il calcolo è quello di ottenere la rendita rivalutata del 5% nel caso di manufatti, e del 25% nel caso delle terre (come che l’articolo 13, paragrafo 4) Nel nostro esempio, andremo a finire dai valori di denaro, rispettivamente:

€ 250,00 * 1,05 = € 262,50 per l’abitazione principale

€ 50,00 * 1.05 = € 52.50 per elettrodomestici

€ 25,00 * 1,05 = 26,25 € del garage non è imputabile

€ 150,00 * 1,05 = 157,50 € Ufficio

€ 25,00 * 1,25 = € 31,25 per i terreni agricoli

Moltiplicare i moltiplicatori di reddito per i dipendenti categoria catastale rivalutato, raggiungendo rispettivamente le basi:

€ 262,50 * 160 = 42.000 € per l’abitazione principale (categoria catastale A)

€ 52,50 * 140 = 8400 € per gli elettrodomestici (C / 2, C / 6)

€ 26,25 * 140 = 4200 € del garage non è imputabile (C / 6)

€ 157,50 * 80 = € 12.600 Office (A/10)

€ 31,25 * 120 = 3750 € per le terre agricole

Per l’ammontare dell’imposta deve applicare l’aliquota decisa dal Comune per. Qui, abbiamo preso i valori fondamentali dettati dal decreto, ottenere gli importi rispettivamente:

€ 42 000 * 0,0076 = € 319,20

€ 8.400 * 0,0076 = 63,84 €

Nota: Il decreto non specifica il tasso da applicare a una proprietà che soddisfi i requisiti del tempo di residenza primaria limitata, come nel caso. Qui prendiamo il valore del tasso base.

€ 4.200 * 0,0076 = 31,92 €

€ 12 600 * 0,0076 = 95,76 €

€ 3.750 * 0,0076 = 28,50 €

Per un totale di € 539,22 Immobili abitativi soddisfa i requisiti di una residenza principale per sei mesi, quindi le sue dipendenze, gode di una detrazione sembrano € 100 (i 6/12, o la metà, della normativa 200 €). L’importo totale dovuto dal contribuente in questo IMU esempio è € 439,22.

Artículos relacionados