L’ottimismo dei mercati dopo l’asta di lettere in attesa della BCE (2°parte)

Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese François Hollande, si incontrano a Berlino il Giovedi e sia tenere incontri separati con il primo ministro greco, Antonis Samaras, la fine della settimana. Il governo greco si attende di ottenere qualche concessione da parte dei creditori internazionali che hanno prestato i soldi ai suoi risparmi secondo (UE, FMI e BCE, la cosiddetta troika ) durante i negoziati del nuovo piano di risanamento dei conti pubblici per un importo di 11.500 milioni di euro nei prossimi due anni. Si tratta probabilmente di una riduzione del tasso di interesse sui prestiti o un rinvio della rimozione. Il Tesoro spagnolo ha beneficiato del rilassamento della pressione sul mercato secondario dei titoli di Stato, in particolare le scadenze più brevi.

I rendimenti dei titoli a due anni è venuto a salire al 7,147% il 25 luglio, ma da allora è sceso a livelli che avevano recuperato a maggio. Oggi si è connessi al 3,585% e ha perso fino al 3,45% dopo aver appreso l’ esito dell’asta, che ha portato al collocamento di 4,515 milioni di euro, con un interesse marginale del 3,20% e 3,45% a 12 e 18 mesi , rispettivamente. Il Tesoro spera di inserire tra 3.500 e 4.000 milioni di euro. Alla fine della giornata, il tipo di due anni debito spagnolo pari a 3,482%. Allo stesso tempo, la redditività di titoli sovrani tedeschi della stessa scadenza è positivo per la prima volta in cinque settimane ha colpito un alto di 0,017% a 0,006% resa alla fine della giornata. Dall’inizio del mese di luglio, l’acquisto cumulativo di questi prodotti, considerato un rifugio dal rischio di spagnolo o italiano debito sovrano, è tale che gli investitori, piuttosto che fare i soldi, sono stati disposti a pagare in cambio per la pace della mente investire in attività più solventi. Il posizionamento finale delle lettere spagnole ai periodi di 12 e 18 mesi è svolto lo scorso 17 luglio e fu il primo, dopo le misure annunciate dal governo per salvare 65.000 milioni di euro in due anni. Il Tesoro e poi superato il volume massimo previsto e ha emesso 3.561 milioni di euro. Anche in grado di ridurre il costo del collocamento sul precedente asta: i titoli a 12 mesi pagato un interesse marginale del 3,99% (3,918% medio) e 18 mesi un marginale 4,35% (4,242% medio). Quel giorno, i due anni di costo del debito ha raggiunto il 4,8% sul mercato secondario. Il Tesoro ha già emesso 72,2% (62.016 milioni di euro) della emissioni lorde di debito a lungo termine previsto per l’intero esercizio (85.900 milioni di euro), con un costo medio del 31 luglio 2012 3, 43%, inferiore al 3,90% con chiuso 2011. L’asta debt prossima è prevista per il 28 agosto in questo caso i punti a 3 e 6 mesi.

Artículos relacionados