Spagna: Austerità e Protesta

Il piano di risparmio finale, un rigore storico, non passa attraverso la popolazione. Un mare enorme di persone inondato Giovedi sera il centro di Madrid l’appello dei sindacati e dei movimenti spontanei. Come previsto, l’estate è calda in Spagna . Al di là delle temperature torride e gli incendi che si diffondono in tutto il paese, protesta sociale continua a crescere. In questi giorni, le proteste si sono moltiplicate in tutto il paese. Un mare enorme di persone inondato Giovedi sera il centro di Madrid, nel corso di una manifestazione contro il nuovo piano di austerità del governo spagnolo. Spontanea o organizzata, tutti soddisfano lo stesso slogan: “no” al piano di austerità ultima, introdotta Venerdì scorso dal governo Rajoy, Giovedi approvato dal parlamento spagnolo. Solo il Partito Popolare, al potere, hanno votato a favore del testo. Altri gruppi parlamentari, dopo aver aspramente criticato le misure alla Camera, tutti hanno votato contro.

Questo è i tagli di bilancio più difficili nella storia della democrazia spagnola: 65 miliardi di euro in termini di risparmio oltre due anni per ridurre il deficit pubblico pari all’8% di oggi PIL al 3% nel 2014 . Il governo di Mariano Rajoy ha ribadito che non ha altra scelta, che le misure di austerità imposto dall’Unione europea. Giovedì, davanti al Congresso dei Deputati, il ministro del bilancio, Cristobal Montoro , ha detto che “non ci sono soldi nelle casse per pagare i servizi pubblici,” prima di aggiungere, “dobbiamo rinunciare ciò che non può essere finanziato, ciò che non è possibile “. Il giorno prima, Cristobal Montoro aveva ammesso ai parlamentari che non vi era “più soldi” e che “senza la crescita dei ricavi, vi è il rischio per il pagamento dei salari” del pubblico. Secondo lui, i funzionari sono consapevoli e sono disposti a fare degli sforzi per uscire dal baratro … Spagna. Gli sforzi, sacrifici … I funzionari, tuttavia, sono stanco di fare. Non vogliono pagare il conto per questa crisi non hanno causato. La rabbia degli spagnoli già strangolato da un tasso di disoccupazione è del 25% su una tacca con l’ultimo giro della vite. Sotto lo slogan “Vogliono rovinare il Paese. Dovrebbe essere impedito. Siamo in minoranza, “sentono” no “all’aumento dell’IVA,” no “al declino della indennità di disoccupazione dal sesto mese,” no “alla rimozione del bonus di Natale per funzionari, l’equivalente dello stipendio di un mese … Tutte le misure”sleali” denunciate apertamente dai sindacati spagnoli. Come molti altri movimenti sociali e collettivi dei cittadini, hanno chiamato per le dimostrazioni di giovedì sera in tutto il paese. Ottanta eventi sono programmati. Nonostante la data estiva, ci aspettiamo una forte mobilitazione, compresi funzionari. Vigili del fuoco, poliziotti, insegnanti, professionisti della salute, giustizia … Il servizio pubblico spagnolo è sul piede di guerra. A Madrid, il corteo è stato quello di scorrere la piazza Neptuno a Puerta del Sol, che è diventato, nel corso dei mesi, il simbolo della protesta sociale … Non tutto è male nel paese, come ricordato dalla banca spagnola BBVA in un recente rapporto. “Dal 2008, la Spagna ha migliorato la sua competitività e la produttività più veloce di qualsiasi altro paese europeo”, dice. La produttività oraria è aumentato del 8,3% dall’inizio della crisi. Risultato, le sue esportazioni saltato 9,5%, mentre quelli dei suoi partner è aumentato solo dell’1%. E ‘anche meglio di Germania. Tuttavia, gli economisti nota Citi, questo motore non è sufficiente per uscire dalla crisi in Spagna.

Artículos relacionados