ici comuni. Tutti i nostri post che parlano di: ici comuni

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica ici comuni. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Ici Jesolo

Come pagare l’Ici a Jesolo? la risposta è semplice, dal blog di icicalcolo.it abbiamo provato a far da noi chimando il comune e ci è stato consigliato di usare il sito del comune per fare il versamento. Troviamo questo modulo online molto semplice da usare e anche il sito web del comune di Jesolo un piccolo gioiello nel panorama delle informazioni sull’imposta comunale per gli immobili, che come sappiamo scarseggia al di fuori dei siti comunali -il più delle volte obsoleti- e altri siti per calcolare diettamente l’importo dell’imposta che non sempre sono affidabili per il grande numero di variazioni a cui è soggetto l’ammontare dell’ultima. Bravo Jesolo.

Ici Jesolo

Ici Jesolo

Ici Arezzo

Il Consiglio Comunale delibera ogni anno l’aliquota/e di imposta da applicare a tutte le categorie di immobili soggette ad ICI, compresa l’abitazione principale e le sue eventuali pertinenze. Detta aliquota va applicata alla base imponibile che si quantifica diversamente a seconda della tipologia di immobile. La base imponibile si ricava per i fabbricati dalla rendita catastale e per le aree edificabili dal valore venale in comune commercio.

Comune di Arezzo. Foto: www.auto-aziendali.net

Comune di Arezzo. Foto: www.auto-aziendali.net

Il D.L. 93/2008 ha stabilito, dall’anno d’imposta 2008, l’esclusione dal pagamento dell’imposta comunale sugli immobili per l’abitazione e relativa/e pertinenza/e adibiti ad abitazione principale del soggetto passivo, con esclusione dei fabbricati classificati nelle categorie catastali A1, A8 e A9.

L’esclusione dal pagamento dell’imposta si estende a tutte le tipologie, sotto riportate, assimilate per legge o regolamento comunale all’abitazione principale.

In dettaglio, non è dovuta l’imposta sui fabbricati di categoria A2, A3, A4, A5, A6 e A7 nei seguenti casi:

– abitazione principale e relativa/e pertinenza/e, intendendo per abitazione principale, salvo prova contraria, quella dove il soggetto passivo ha la residenza anagrafica;

– abitazione e relativa/e pertinenza/e di proprietà del coniuge separato non assegnatario della casa coniugale per provvedimento di separazione legale, annulamento ecc.;

– abitazione e relativa/e pertinenza/e concessa in comodato o uso gratuito a parenti di primo grado in linea retta (genitori-figli) che la utilizzano quale abitazione principale comprovata dalla residenza anagrafica;

– abitazione e relativa/e pertinenza/e di proprietà di anziani e disabili che acquisiscano residenza anagrafica in istituti di ricovero o sanitari, a condizione che la stessa non risulti locata;

– abitazione e relativa/e pertinenza/e di proprietà di cooperative edilizie a proprietà indivisa adibita ad abitazione principale dai soci assegnatari.

Ici comune di Bologna 2010: aliquote e documenti per la compilazione

Piazza Maggiore Bologna. Foto: www.losmejoresdestinos.com

Piazza Maggiore Bologna. Foto: www.losmejoresdestinos.com

Per l’applicazione delle aliquote previste:

a. per le unità immobiliari ad uso abitativo prive di contratto di locazione (debitamente registrato) da oltre 24 mesi decorrenti dal 1° gennaio successivo alla mancanza di tale requisito;

b. per le unità immobiliari, e pertinenze ammesse, locate con contratto registrato, da persone fisiche (soggetti passivi) residenti nel Comune a soggetti che le utilizzano come abitazione principale;

c. per le unità immobiliari, e pertinenze ammesse, interamente locate – alle condizioni definite negli accordi tra le organizzazioni della proprietà edilizia e quelle dei conduttori – dal soggetto passivo di imposta a persone fisiche che le utilizzano come abitazione principale;

d. per le unità immobiliari, e pertinenze ammesse di categoria A1, A8 o A9, concesse in uso gratuito ai parenti di primo grado in linea retta che le utilizzano come abitazione principale;

e. per le unità immobiliari possedute dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all’art. 10 del D.Lgs. n. 460 del 1997;

f. per le unità immobiliari, e pertinenze ammesse, locate, con contratto registrato, da imprese ai propri dipendenti che le utilizzano come abitazione principale;

il soggetto passivo di imposta deve presentare al Comune, entro il 16/12/2010, una dichiarazione sottoscritta con l’indicazione dell’aliquota applicata (vedi contribuzione).

Nella dichiarazione il soggetto passivo d’imposta indica inoltre i seguenti dati:

– codice fiscale;

– cognome e nome ovvero denominazione o ragione sociale e natura giuridica;

– ubicazione e identificativi catastali delle unità immobiliari (foglio, particella e subalterno);

– codice fiscale, cognome e nome e domicilio fiscale del conduttore che utilizza l’unità immobiliare come abitazione principale (nell’ipotesi di unità immobiliare locata).

Per le unità immobiliari locate a soggetti che le utilizzano come abitazione principale alle condizioni definite negli accordi tra le organizzazioni della proprietà edilizia e quelle dei conduttori (aliquota dello zero per mille), il soggetto passivo d’imposta è tenuto ad allegare copia del contratto di locazione alla dichiarazione delle aliquote applicate, se la documetazione contrattuale non è stata verificata e controfirmata da almeno due Organizzazioni Sindacali, delle quali una degli inquilini e una della proprietà.

Ici 2010 Roma

Iniziamo questa settimana il riassunto dell’Ici 2010 Roma. Una serie di post con i quali -uno dopo l’altro- intendiamo spiegare da icicalcolo come calcolare l’imposta comunale sugli immobili per chi nel 2010 dovrà pagarlo nel comune di Roma. Vediamo subito il nostro primo post su chi deve presentare l’ici. Esenzioni Ici Roma 2010.

Logo Ici del Comune di Roma

Logo Ici del Comune di Roma

Scrive il comune di roma in documento ufficiale che:

I mutamenti di soggettività passiva avvenuti nel corso dell’anno a cui si riferisce la dichiarazione devono essere dichiarati, nei soli casi in cui sussiste il relativo obbligo, sia da chi ha cessato di essere soggetto passivo e sia da chi ha iniziato ad esserlo.

Si ricorda che:

  • Soggetto passivo del tributo è anche il gestore dei beni facenti parte del patrimonio immobiliare pubblico ai sensi del D. L. 25 settembre 2001, n. 351, convertito nella legge 23 novembre 2001, n. 410.
  • Nel caso in cui venga costituito il condominio, la dichiarazione deve essere presentata dall’amministra tore del condominio per conto di tutti i condomini. Qualora l’amministrazione riguardi più condomini, per ciascuno di essi va presentata una distinta dichiarazione, escludendo in ogni caso gli immobili appartenenti all’amministratore.
  • Nel caso di multiproprietà l’obbligo di presentazione della dichiarazione è a carico dei singoli soggetti passivi.
  • Nel caso in cui l’immobile è stato oggetto di vendita nell’ambito delle procedure di fallimento o di liquidazione coatta amministrativa la dichiarazione deve essere presentata dal curatore o dal commissario liquidatore.

NOTA BENE:

  • Nel caso in cui più persone siano titolari di diritti reali sull’immobile (es.: più proprietari; proprietà piena per una quota e usufrutto per la restante quota) ciascun contitolare è tenuto a dichiarare la quota ad esso spettante. Tuttavia, è consentito ad uno qualsiasi dei titolari di presentare la dichiarazione congiunta, purché comprensiva di tutti i contitolari.
  • La dichiarazione deve essere presentata anche dai residenti all’estero che posseggono immobili in Italia.

Ici Savona

Ecco un modo semplice per calcolare l’Ici del Comune di Savona che ci propone il sito del comune: il chi, il come ed il quando. Leggendo questo testo tratto dal sito del comune è facile da capiere il funzionamento dell’Ici di tutti i comuni italiani, rispettando -ovviamente- le differenze tra le imposte:

Il porto di Savona. Foto: www.tripadvisor.com

Il porto di Savona. Foto: www.tripadvisor.com

L´ICI: CHI, COME, QUANDO

Chi paga
L´ICI, Imposta Comunale sugli Immobili, deve essere pagata da coloro che possiedono fabbricati od aree fabbricabili come proprietari o come titolari di diritti reali di godimento (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie). Qualora vi sia un usufruttuario e un nudo proprietario, l´usufruttuario è tenuto a versare l´imposta. Se l´immobile è posseduto da più proprietari l´imposta deve essere ripartita proporzionalmente tra loro in base alle quote di proprietà. Per gli immobili concessi su aree demaniali, l´imposta deve essere pagata dal concessionario. L´ICI si paga per autoliquidazione, cioè non arriva a casa al contribuente sotto forma di cartella, ma occorre calcolare e versare personalmente quanto dovuto. Chi preferisse farsi aiutare, può ricorrere al commercialista o ai CAAF (Centri di assistenza fiscale) presenti presso numerose Organizzazioni Sindacali, Patronati ecc.

Continua a leggere Ici Savona…

Ici Salerno aliquote

Alquote Ici comune di Salerno:

Salerno Anni 60. Foto: www.globalgeografia.com

Salerno Anni 60. Foto: www.globalgeografia.com

• 5,5 per mille

Per l’abitazione principale in categoria catastale A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (abitazioni in castelli o palazzi di particolare pregio artistico o storico) e le relative pertinenze in categoria catastale C/2, C/6 o C/7 limitatamente ad una sola pertinenza per ciascuna categoria catastale indicata;

Per l’abitazione in categoria catastale A/1, A8 e A/9 concessa in comodato d’uso gratuito a parenti ed affini entro il secondo grado a condizione che la utilizzino quale abitazione principale ed ivi trasferiscano la residenza anagrafica;

Per l’abitazione principale in categoria catastale A/1, A/8 e A/9 del soggetto passivo che a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio non risulta assegnatario della casa coniugale, a condizione che non sia titolare del diritto di proprietà od altro diritto reale su immobile destinato ad abitazione principale situato nel Comune di Salerno

ove è ubicata la casa coniugale;

• 6 per mille, per le abitazioni principali concesse in locazione con contratti stipulati ai sensi del comma 3, art. 2, L. n. 431/98;

• 9 per mille, per le abitazioni non locate, tenute a disposizione;

• 7 per mille, aliquota ordinaria da applicare in tutti gli altri casi.

Vuoi calcolare l'Ici del tuo immobile? Informarti con le ultime news di ICI Calcolo. Tutto quello che devi sapere su imposte e fisco.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia