pagamento ici. Tutti i nostri post che parlano di: pagamento ici

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica pagamento ici. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Pagamento Ici

Da qualche anno è stata introdotta la possibilità di effettuare il pagamento ICI anche  tramite modello F24.

Il pagamento viene effettuato in due rate. L’acconto, da versare entro il 16 giugno, è pari al 50% dell’imposta dovuta, mentre il conguaglio, da pagare entro il 16 dicembre, è a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno 2010.

Il pagamento può essere effettuato con il modello F24 presso le banche convenzionate, presso gli uffici postali, presso il concessionario della riscossione o per via telematica, oppure con bollettino postale con le stesse modalità.

Sanzioni per i ritardatari:

La scadenza fissata per il pagamento della prima rata ICI per il 2011 e’ il 16 giugno. I contribuenti che omettono o eseguono in ritardo il pagamento dell’ ICI, possono regolarizzare la loro posizione debitoria evitando l’applicazione della sanzione ordinaria, a condizione che la violazione non sia stata già contestata o comunque non siano iniziate verifiche amministrative.

La sanzione ordinaria, pari al 30% dell’importo dovuto, è ridotta:

  • al 2,50% se il versamento è eseguito nel termine di 30 giorni dalla data di scadenza;
  • al 3% se il pagamento viene effettuato entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta nel quale è stata commessa la violazione.

Il versamento della sanzione deve essere effettuato contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo e degli interessi dovuti, calcolati ad un tasso del 3% annuo, applicati però giorno per giorno e cioè pari allo 0,0082191% per ogni giorno di ritardo.

Scadenza Ici 2010

Arriva la sandenza Ici 2010. Le agenzie di notizie e i quotidiniani informano che “Entro domani 16 giugno, salvo differenti termini stabiliti dal Comune, deve essere pagata la prima rata (in acconto) dell’imposta comunale sugli immobili dovuta per il 2010, pari al 50% dell’imposta dovuta per l’intero anno, calcolata sulla base di aliquote e detrazioni del 2009.  Lo segnala la Confedilizia, ricordando che dal 2008 è prevista l’esclusione dall’Ici delle unità immobiliari adibite ad abitazione principale (nonché di quelle ad essa assimilate), ma restano soggette all’imposta – anche se adibite ad abitazione principale – le unità immobiliari di categoria catastale A/1 (“Abitazioni di tipo signorile”), A/8 (“Abitazioni in ville”) e A/9 (“Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici”).

Fabbricati. Disegno; www.problemhouse.it

Fabbricati. Disegno; www.problemhouse.it

Ad essere soggetti all’imposta sono poi tutti gli immobili abitativi diversi da quelli utilizzati come abitazione principale (concessi in locazione, utilizzati come “seconde case” ecc.) nonché tutti gli immobili non abitativi (uffici, negozi ecc.). Sul sito internet della Confedilizia è possibile trovare – oltre ad una guida pratica al pagamento dell’imposta – un programma per il calcolo on line del tributo e i link ai siti dove possono essere verificate le aliquote e le detrazioni stabilite dai Comuni e reperite le deli-bere e gli eventuali regolamenti. In caso di mancato versamento entro il 16 giugno, è possibile – se si paga entro il 16 luglio – applicare la sanzione ridotta pari al 2,5% dell’imposta dovuta (la sanzione ordinaria è del 30%), più gli interessi. Se si paga entro un anno, si applica invece la sanzione del 3%. Trascorso un anno, il “ravvedimento” non è più possibile e la sanzione è pari al 30%.

Il pagamento dell’imposta può essere effettuato con il modello F24 (presso le banche convenzionate; presso gli uffici postali; al concessionario della riscossione; per via telematica) o tramite conto corrente postale (presso gli uffici postali; presso le banche convenzionate; al concessionario della riscossione; tramite il servizio telematico gestito dalle Poste). Il versamento va fatto con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo. Salvo che il Comune non abbia disposto diversamente, nessun pagamento va effettuato se l’imposta da versare non supera 12 euro.

Pagamento Ici 2010

Pagamento Ici 2010. Il 15 giugno dovrà essere versata la prima rata dell’imposta comunale sugli immobili (Ici) per il 2010, pari al 50 per cento dell’imposta dovuta per l’intero anno. L’importo è calcolato sulla base delle aliquote e detrazioni del 2009. A segnalarlo è Confedilizia. Da ricordare anche che dal 2008 è prevista l’esclusione dall’Ici delle unità immobiliari adibite ad abitazione principale principale (nonché di quelle ad essa assimilate), ma restano soggette all’imposta – anche se adibite ad abitazione principale – le unità immobiliari di categoria catastale A/1 (“Abitazioni di tipo signorile”), A/8 (“Abitazioni in ville”) e A/9 (“Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici”). Confedilizia mette a disposizione un calcolatore automatico del tributo.

Logo Ici del Comune di Roma

Logo Ici del Comune di Roma

Per quanto riguarda le modalità di pagamento è necessario usare il mondello F24 – se vi rivolgete alle banche convenzionate, presso gli uffici postali, al concessionario della riscossione, per via telematica. Per il versamento invece dovete arrotondare per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, al contrario se è superiore a quella soglia. Tutto questo fatto salvo diverse disposizione del comune. In ogni caso non dovrà essere effettuato nessun pagamento se l’imposta non supera la soglia dei 12 euro.

Vuoi calcolare l'Ici del tuo immobile? Informarti con le ultime news di ICI Calcolo. Tutto quello che devi sapere su imposte e fisco.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia